Rapina alle poste, banditi armati sequestrano il direttore e si fanno aprire la cassaforte: il bottino è da capogiro

I due hanno minacciato con una pistola l'uomo e sono fuggiti con il denaro

Rapina alle poste, banditi armati sequestrano il direttore e si fanno aprire la cassaforte: il bottino è da capogiro
Rapina alle poste, banditi armati sequestrano il direttore e si fanno aprire la cassaforte: il bottino è da capogiro
di Niccolò Dainelli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Febbraio 2023, 23:47

Rapina choc ad Afragola, in provincia di Napoli. Due banditi, armati di pistola, hanno atteso l'arrivo del direttore dell'ufficio postale di via Trieste e Trento per poi affiancarlo, minacciandolo con l'arma. E, una volta entrati da una porta secondaria insieme all'uomo, lo hanno costretto ad aprire la cassaforte. Una rapina alle poste con un bottino da capogiro sulla quale adesso indaga la polizia. 

Leggi anche > Roma choc, 21enne sequestrato e rapinato: tre rom gli svuotano il conto. «Costretto a fare bonifico online»

La ricostruzione

 

Nella mattina di oggi, giovedì 16 febbario, alle 8:00 in punto i due malviventi sono entrati in azione, ben consapevoli che la cassaforte si apre solo in orari preimpostati. I due, con il volto coperto, hanno sequestrato per pochi minuti il direttore dell’istituto costringendolo, alle 8.05, ad aprire la cassaforte e a consegnare loro l’ingente somma di denaro presente all’interno.

Una volta racimolato il bottino, i due sono fuggiti sempre dall’uscita secondaria, salendo su un’auto guidata da un complice.

Il bottino

All'interno della cassaforte erano presenti ben 90mila euro di contanti e 2mila euro in monete, con i due rapinatori che, subito dopo aver «prelevato», si sono dati alla fuga. Il furto è stato denunciato alle forze dell’ordine con gli agenti del commissariato di Afragola che adesso indagano sull’accaduto. Al vaglio le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nell’ufficio postale oltre alle altre telecamere presenti in zona per ricostruire le strade battute dai malviventi per fuggire. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA