Alessandra muore a 57 anni: lo stesso male aveva già ucciso la madre e il fratello

La donna soffriva di una rara e ancora sconosciuta patologia degenerativa, che nel recente passato ha colpito anche la madre e un fratello

Alessandra muore a 57 anni: lo stesso male aveva già ucciso la madre e il fratello
di Redazione web
3 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Gennaio 2023, 15:58 - Ultimo aggiornamento: 16:53

Grande commozione a Pontelongo (Padova), ma anche a Piove di Sacco, per la morte di Alessandra Mazzucato, di 57 anni, gli ultimi dei quali vissuti al centro residenziale per anziani Umberto I di Piove di Sacco dove è avvenuto il decesso domenica scorsa. La donna infatti soffriva di una rara e per molti versi ancora sconosciuta patologia degenerativa, che nel recente passato ha colpito anche la madre e un fratello di Alessandra, deceduti in un arco temporale piuttosto breve. La vicenda è raccontata da Il Gazzettino.

LO STRAZIO

Quello di Alessandra è stato un vero calvario, iniziato almeno una ventina di anni fa, quando la donna lavorava con successo in un negozio di toelettatura lungo la statale Piovese, nel capoluogo della Saccisica, accanto allo studio di un veterinario originario come lei di Pontelongo. Poi le progressive difficoltà nella deambulazione obbligarono Alessandra a cedere l’attività, ritirandosi a casa dove nel frattempo appunto anche la mamma e un fratello erano stati colpiti dallo stesso male. Contro di esso purtroppo sembrano non essere state individuate cure in grado di consentire una vita normale alle persone che ne sono affette. Così dopo la morte della mamma e del fratello, il peggioramento delle condizioni di salute di Alessandra ha obbligato la famiglia a cercare una soluzione che fosse in grado di assicurare un’assistenza adeguata alla donna.

Ecco quindi il ricovero al Craup di Piove di Sacco, dapprima nel centro residenziale e poi nel reparto dedicato alle persone in stato vegetativo, dove Alessandra è spirata.

IL RICORDO

In molti ricordano Alessandra Mazzucato come una bellissima ragazza, solare, allegra. Era appassionata di animali, anche perché la sua famiglia aveva a Pontelongo allevamento di cani husky; decise così di avviare il negozio per la toelettatura di cani e gatti, uno dei primi aperti nel Piovese. Alessandra, nonostante le precarie condizioni di salute, era legatissima ai suoi familiari: le sono state sempre vicine la sorella Giulia e la cognata, oltre ai tre amati nipoti. Il sindaco di Pontelongo, Roberto Franco, esprime il suo cordoglio. «Posso testimoniare che quella di Alessandra è stata una vera e propria via crucis – spiega – Ci eravamo visti qualche anno fa quando ancora era in condizione di muoversi, proprio per la chiusura dell’allevamento di famiglia e per il ricollocamento dei cani, per il quale lei si spese in prima persona. Come comunità di Pontelongo siamo vicini con particolare affetto alla sorella Giulia, che risiede in paese, colpita da così tanti lutti». Le esequie celebrate nella chiesa vicariale di Pontelongo, suo paese di origine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA