Bruno muore in ospedale, per i medici è arresto cardiaco. La famiglia: «Massacrato di botte, aveva fratture in faccia». Aperta un'indagine

Bruno Modenese, di 45 anni, si è fatto ricoverare di sua spontanea volontà. Sarebbe morto tre giorni dopo il ricovero

Morto con edema cerebrale e fratture in faccia, per l'ospedale è "arresto cardiaco". La famiglia: «L'hanno massacrato». Aperta un'indagine
Morto con edema cerebrale e fratture in faccia, per l'ospedale è "arresto cardiaco". La famiglia: «L'hanno massacrato». Aperta un'indagine
di Redazione web
3 Minuti di Lettura
Martedì 26 Settembre 2023, 12:39 - Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 16:00

Entra in ospedale con le sue gambe e muore tre giorni, forse picchiato in Pronto Soccorso a Venezia. Due persone sono indagate per omicidio preterintenzionale, per la morte di Bruno Modenese, di 45 anni. Si tratta di un ventinovenne di nazionalità albanese e un quarantacinquenne italiano, originario del napoletano, i quali sono stati convocati in procura per questa mattina per presenziare all’affidamento dell’incarico per l’autopsia alla dottoressa Bonvicini e al dottor Bissolotto, riporta Il Gazzettino.

Bambina di 2 anni si rompe la caviglia all'asilo nido, la mamma furiosa: «È rimasta 6 ore senza cure, nessuno mi ha chiamata»

Portogruaro, bimbo di 18 mesi morto per schiacciamento cranico: «Nessuna caduta dall'alto». Faro puntato sulla famiglia

Cosa è successo

Bruno Modenese è entrato in ospedale il 16 settembre di sua spontanea volontà.

Aveva detto alla famiglia che si sentiva confuso, così insieme avevano pensato che sarebbe stato meglio se si fosse recato in ospedale. Al Pronto Soccorso, sarebbe stato picchiato per contenere i suoi modi aggressivi. Tre giorni dopo, il 19 settembre, è morto.

A sollecitare l’apertura di un’inchiesta sono stati i genitori dell’uomo attraverso un esposto in cui chiedono che sia fatta chiarezza sulle ultime ore del figlio: «Presentava una ingiustificata rottura del setto nasale, visibili segni di ecchimosi al volto, la frattura dello zigomo sinistro - scrivono gli avvocati - con la presenza, a seguito di Tac e Agiotac, di emorragia cerebrale». L’Ulss 3 ha costituito una commissione interna e ha annunciato che «collaborerà a tutte le verifiche».

La cena, il ricovero e la morte

La sera di sabato 16 settembre era andato a mangiare la pizza con i genitori: il giorno seguente, tutti assieme, sarebbero dovuti partire in vacanza - riporta Il Gazzettino -. Dopo cena era passato al bar a salutare gli amici, ma si era sentito male ed stato chiamato il “118“. Modenese è salito di propria volontà sull’ambulanza ed è arrivato al pronto soccorso accompagnato dai carabinieri «perché manifestava uno stato di alterazione e di aggressività». Da quel momento i genitori non hanno più avuto sue notizie: al padre, recatosi il giorno seguente in ospedale per portare la biancheria al figlio, fu detto che Bruno era in terapia intensiva, «sedato, in quanto agitato e “respirava male”, ma che tutto era sotto controllo». In una successiva telefonata al padre fu detto che il figlio si trovava «in coma, dopo un arresto cardio-circolatorio». Il decesso è avvenuto la sera di martedì 19 settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA