Amatrice, il sindaco Palombini: «Lettere ad anziani dall'Inps per restituzione assegno post terremoto»

Amatrice, il sindaco Palombini: «Lettere ad anziani dall'Inps per restituzione assegno post-terremoto»
di Fabio Calcioli
Oltre al danno la beffa. Così sembra, e non vi sono motivi di dubitarne, da quanto dichiara il sindaco di Amatrice Filippo Palombini: “Vi dico subito, per sgomberare il campo da equivoci e strumentalizzazioni, che ciò che sto per raccontarvi è assolutamente legittimo, legale, e aderente a ciò che prescrive la norma, eppure è profondamente ingiusto. Questa è la storia di quando la burocrazia vanifica i grandi passi della società civile in materia di assistenza e tutela delle categorie deboli, già martoriate da un sisma, ma andiamo ai fatti. A seguito del sisma che ha distrutto Amatrice molti anziani, che non avevano più un tetto sopra la testa, sono stati accolti a Borbona nella Rsa, alcuni di loro usufruivano del cosiddetto ‘accompagno’ ossia quel sostegno economico pagato dall’Inps a quelle persone disabili che hanno bisogno di assistenza.

Per questi anziani, quindi, lo Stato non ha sopportato costi per costruirgli una Sae e neanche per pagargli il Cas. Ora succede che stanno arrivando a questi anziani, dopo due anni e mezzo, lettere dell’Inps che chiedono la restituzione dell’assegno, anche in ‘comode’ rate mensili. Una lettera che ho avuto modo di leggere si riferisce ad un periodo di soli 4 mesi, ma per chi si trova nella Rsa fin dalla data del sisma la cifra da restituire si aggira intorno ai 15.000 euro. Tradotto, ciò significa che in termini di ‘assistenza’ post sisma alla popolazione il lessico disumano della burocrazia si è mosso come nel film ‘Tempi moderni’ di Chaplin, secondo la catena di montaggio che prevede l’invio massivo di comunicazioni senza che l’Uomo, che è dietro la macchina burocratica, si soffermi a valutarne la portata, perché qui stiamo parlando di persone, anziane, che non hanno più casa, lontane dalla famiglia, e per le quali i parenti si sobbarcano spese e viaggi per stargli comunque vicino e dargli assistenza. Anche io sono un rappresentante delle Istituzioni, ma di questi atti me ne vergogno, e cercherò, pur se la legge è legge, di interloquire con gli Organi centrali competenti perché facciano uno sforzo di umanità”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Novembre 2018, 12:52 - Ultimo aggiornamento: 24-11-2018 09:41

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO


PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

0 di 0 commenti presenti