Wanda Nara denunciata: «Foto dei figli minori per promuovere prodotti di bellezza»

Giovedì 25 Giugno 2020
Wanda Nara denunciata: «Foto dei figli minori per promuovere prodotti di bellezza»

Dopo Fedez e Chiara Ferragni, a finire nel mirino del Codacons con una denuncia al Garante della Privacy e a quello per l'Infanzia e l'adolescenza per l'uso illecito di immagini di minori è ora Wanda Nara. L'associazione dei consumatori ha infatti presentato un esposto alle autorità competenti contro la nota influencer, dopo la pubblicazione sui suoi profili social di foto delle proprie figlie «truccate come donne adulte, con marchi di estetica in evidenza che potrebbero realizzare una forma di pubblicità occulta». Lo riferisce l'Adnkronos.

LEGGI ANCHE:
Stefano De Martino rimedia un occhio nero, ma il motivo è tutto da ridere

Pantere al mare, Sylla e Folie senza veli: la fotografia fa impazzire il web

«Sulla pagina Instagram di Wanda Nara sono state diffuse foto in cui bambini vengono utilizzati per pubblicizzare un brand (lo stesso usato dalla nota influencer) con pose e atteggiamenti idonei a ledere l'immagine del minore ed il sentimento dei minori che vedono tali foto - scrive il Codacons nell'esposto che l'Adnkronos è in grado di anticipare - La diffusione di tali immagini è assolutamente pericolosa, in quanto con esse si veicola l'identità e l'intimità di un bambino in tenera età e lo si fa attribuendo ad un viso di bambina il corpo di una donna».

L’esposto cita poi gli articoli che risulterebbero violati nel caso di specie: "La tutela della vita privata e dell’immagine dei minori ha trovato tradizionalmente cittadinanza nell’ordinamento italiano, nell’art. 10 c.c. (concernente la tutela dell’immagine); nel combinato disposto degli artt. 4,7,8 e 145 del D.Lgs. 30.06.2003 n. 196 (riguardanti la tutela della riservatezza dei dati personali) nonché negli artt. 1 e 16 I co. della Convenzione di New York del 20-11-1989, ratificata dall’Italia con legge 27-5-1991 n. 176 (laddove, in particolare, l’art. 16 stabilisce che: "1. Nessun fanciullo sarà oggetto di interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza e neppure di affronti illegali al suo onore e alla sua reputazione. 2. Il fanciullo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze o tali affronti"), sottolineando in modo netto come debba essere necessariamente data preminenza agli interessi e alla dignità del minore".

Anche l’art. 8 delle Regole di Pechino, intitolato ‘Tutela della vita privata’ "prevede che ‘il diritto del giovane alla vita privata deve essere rispettato a tutti i livelli, per evitare che inutili danni gli siano causati da una pubblicità inutile e denigratoria’".

Per tali motivi il Codacons ha chiesto a Instagram e Facebook la sospensione o cancellazione "di tutti quei post in cui Wanda Nara pubblica immagini idonee a ledere i diritti dei minori". Al Garante per la Privacy e a quello per la tutela dell’Infanzia il Codacons chiede "di voler verificare la liceità delle pubblicazioni delle immagini sui profili social e, nel caso in cui siano riscontrate violazioni della normativa vigente in materia, di assumere ogni opportuno provvedimento".

I video pubblicati venerdì scorso dalla moglie di Mauro Icardi, che hanno come protagonista la figlia Francesca, di 5 anni, avevano ricevuto, in un sole 24 ore, oltre 5 milioni di visualizzazioni.

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA