Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Selvaggia Lucarelli contro gli agenti
che hanno ucciso il terrorista: «Non sono eroi...»

Selvaggia Lucarelli contro gli agenti che hanno ucciso il terrorista: «Non sono eroi...»
2 Minuti di Lettura
Sabato 24 Dicembre 2016, 13:33 - Ultimo aggiornamento: 14:13
MILANO - Selvaggia all'attacco anche a Natale. "Per quello che mi riguarda, un poliziotto che chiede i documenti a una persona per effettuare un banale controllo e si trova, imprevedibilmente, a dover rispondere al fuoco, non è un eroe. È un uomo che svolge il suo lavoro e lo fa esattamente come gli altri 300.000 poliziotti in Italia che si assumono i medesimi rischi e magari vanno in pensione senza essersi mai trovati nella drammatica situazione di dover sparare a qualcuno. Parole come "orgoglio" ed "eroi" mi lasciano perplessa. Era un controllo casuale. Hanno avuto prontezza nella reazione. Bravi. Fine". Selvaggia Lucarelli commenta così, su Facebook, le tante reazioni alla sparatoria di ieri a Sesto San Giovanni che ha visto coinvolti due agenti italiani.
 


"Per il resto, quello che ha ammazzato Amri - attacca la blogger riferendosi ai post e alle immagini pubblicate sui social dai due poliziotti - è uno che scriveva cagne alle donne, che si faceva fotografare mentre faceva il saluto romano, che rimpiangeva Mussolini e così via. Ecco, facciamo che è al massimo un poliziotto coraggioso e con dei buoni riflessi. Per il resto, dal bussolotto degli eroi del Natale, per quel che mi riguarda c'è altro da pescare".
© RIPRODUZIONE RISERVATA