La regina Elisabetta combatte ancora contro il Covid: «Stanca ed esausta». Il 21 aprile festeggiamenti per i 96 anni

Lunedì 11 Aprile 2022 di L. Jatt.
La regina Elisabetta II

Il prossimo 21 aprile la regina Elisabetta II compirà 96 anni e già c’è grande fermento per onorare una data che quest’anno vede unirsi anche i festeggiamenti per il Giubileo di Platino della regina che segna il suo 70mo anno di regno. Alla gioia degli inglesi per l’anniversario si unisce però anche la preoccupazione per lo stato di salute della regina, che ancora risente dei postumi del Covid che l’ha colpita recentemente. «Un’orribile» infezione che lascia chi ne viene colpito «molto stanco ed esausto». Così ha raccontato il Covid la stessa Elisabetta II, che in qualche modo - pur senza mai esprimersi in prima persona - ha confessato l’esperienza fatta di recente in occasione del suo contagio, superato il mese scorso. I tabloid ne danno conto oggi in prima pagina, citando quanto dichiarato ieri dalla sovrana in un incontro virtuale con alcuni rappresentanti del servizio sanitario nazionale britannico (Nhs), durante il quale Elisabetta II ha lamentato anche le restrizioni imposte per mesi «da questa orribile pandemia» rispetto all’impossibilità prolungata d’incontrare familiari e persone care. 

 


Mentre non ha mancato di rinnovare l’elogio a infermieri e medici del Regno per «lo spirito» con cui hanno affrontato due anni di emergenza: uno spirito degno «di Dunkerque», ha sentenziato, richiamando il paragone con una delle pagine eroiche della storia britannica nella Seconda Guerra Mondiale.

I SINTOMI

Infettata dal Covid pochi giorni dopo l’erede al trono Carlo oltre un mese fa, la monarca ha avuto per circa una settimana «sintomi leggeri simili a quelli di un raffreddore», secondo i comunicati ufficiali di corte resi noti allora. Sintomi che tuttavia l’hanno lasciata prostrata, osservano ora i media interpretando le sue affermazioni di ieri come la testimonianza di una vera «battaglia contro il Covid». E di una certa fatica persistente: confermata del resto dalla recente rinuncia a tutta una serie d’impegni esterni e dalla limitazione della sua agenda istituzionale a pochi appuntamenti (di persona o virtuali), quasi tutti dall’interno del castello di Windsor. 
Tornando al compleanno della regina il prossimo 21 aprile, il secondo senza Filippo di Edimburgo, deceduto lo scorso anno, quello che si sa è il programma del Giubileo e la notizia che alla monarca è stata dedicata la “Elizabeth Line”, la nuova linea della metro di Londra. A salutare l’evento sarà la tradizionale raffica di 41 colpi di cannone sparata alle ore 12 ad Hyde Park. In realtà la regina da sempre festeggia due compleanni: quello del 21 aprile è l’anniversario relativo alla data di nascita effettiva della Regina, mentre sabato 12 giugno - e più in generale ogni secondo sabato di giugno - viene festeggiato il compleanno“ufficiale” della monarca, celebrato insieme alla tradizionale parata a Buckingham Palace.

 

LA TRADIZIONE

Si tratta di una tradizione risalente a re Giorgio II, nato a novembre ma festeggiato al caldo di giugno per evitare che la celebrazione si svolgesse tra freddo e pioggia inglese. La tradizione si è quindi perpetuata nei secoli, fino ad arrivare ai giorni nostri. Il programma è già stato reso pubblico. La prima di tutte le cerimonie sarà la parata con 1400 soldati e 200 cavalli. Al termine di questa, tutta la famiglia reale sarà immortalata sul balcone di palazzo. Subito dopo, la cerimonia di ringraziamento nella cattedrale di St Paul. Come per il 60esimo anniversario di Elisabetta ci sarà un concerto, il Platinum Party. Sono attese star della musica inglese come dieci anni fa, quando suonarono Elton John e Paul McCartney. La festa in tutto il paese è iniziata a febbraio 2021, ma le celebrazioni vere e proprie saranno a giugno e dureranno quattro giorni, dal giovedì alla domenica. E domenica, appunto, ci sarà anche il Big Jubilee Lunch, un pranzo offerto in tutto il Regno Unito mentre i giardini di Buckingham Palace e le strade attorno al palazzo reale ospiteranno 5000 fra artisti di strada, attori e musicisti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA