Pupo, la confessione: «Ho pensato al suicidio, poi un camion…»

Pupo (Instagram)
Pupo (Instagram)
2 Minuti di Lettura
Martedì 23 Giugno 2020, 13:32 - Ultimo aggiornamento: 14:53

Pupo ricorda un passato non facile. Ora è tornato al successo ma negli anni ottanta, anche a causa del vizio del gioco, era in bancarotta e ha pensato al suicido. Ad evitarlo quasi una casualità, che poi però l’ha in qualche modo costretto a tornare in carreggiata.

LEGGI ANCHE: Antonio Zequila contro Lucia Bramieri: «Vive di riflesso a un cognome altisonante…»



In crisi economica, ha cercato salvezza nella sorte al casinò, ma le cose non sono andate come si aspettava: “Era la fine degli anni '80 – ha raccontato in un’intervista a “Libero” - e avevo perso tutto, ero pieno di debiti e mi avevano pignorato ogni cosa. La banca mi chiedeva cinquanta milioni che io non avevo. Così cercai fortuna al Casinò ma persi altri 40 milioni. Al ritorno verso casa mi fermai sul cavalcavia tra la Toscana e l'Emilia andai verso il bordo del viadotto...”.



Un camion ha evitato il peggio: “Improvvisamente passò un camion che letteralmente mi spostò con l'aria fatta con la sua velocità risvegliandomi dal torpore. Mi salvò la vita. Da quel momento ho recuperato tutto”.




E infatti ha recuperato e, oltre alla musica, ha preso parte all’ultima edizione del Grande Fratello Vip, nei panni di opinionista e l’esperienza andata più che bene: “Assolutamente sì. Con Signorini mi sono trovato benissimo. È un uomo colto e profondo che ha condotto un programma difficile anche per il periodo storico in cui si è svolto, durante il coronavirus. Alfonso è un uomo che ha saputo insegnarmi e darmi qualcosa in più, con la sua profondità, alla mia vita. Gli sono grato”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA