Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il principe William e il trauma per la morte di Lady D: «Diventare padre è stata la più grande paura della mia vita»

Il principe William e il trauma per la morte di Lady D: «Diventare padre è stata la più grande paura della mia vita»
Il principe William e il trauma per la morte di Lady D: «Diventare padre è stata la più grande paura della mia vita»
2 Minuti di Lettura
Domenica 24 Maggio 2020, 13:12 - Ultimo aggiornamento: 17:16

Il principe Willian aveva solo 15 anni quando sua madre, Lady Diana, morì nell'incidente stradale di Parigi, nel 1997. Un trauma in età adolescenziale che lo ha segnato a lungo, almeno fino alla nascita del suo primogenito, George, come ha rivelato il diretto interessato.

LEGGI ANCHE:

Gianluca Vacchi conquista Instagram con il suo nuovo video "allusivo". Mostra le sue "doti" ai protagonisti di Friends che rimangono a "bocca aperta"





Come riporta il Telegraph, il duca di Cambridge ha partecipato, nell'ambito di un documentario della Bbc, ad una conversazione in diretta con Marvin Sordell, 'meteora' del calcio britannico ritiratosi ad appena 28 anni nella scorsa stagione anche a causa dei problemi psicologici sofferti nel corso della carriera. All'ex attaccante del Watford, parlando di salute mentale, il principe William ha rivelato: «Ho sofferto a lungo per la tragedia di mia madre, ma la nascita di George ha cambiato la mia vita. I mesi in cui stavo per diventare padre sono stati i più spaventosi della mia vita, ma dopo la nascita di George quelle emozioni vissute dopo la morte di mia madre erano tornate a raffica».

Parlando della paternità, il principe William poi ha aggiunto: «La cosa più dura era che nei primi mesi di vita di George trovavo travolgente e inconcepibile che mia madre non fosse lì ad aiutarmi. Io e Kate, dopo essere diventati genitori per la prima volta, abbiamo dovuto imparare ed evolverci insieme, passando ad una fase della vita molto diversa da quella precedente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA