​Ornella Muti e la figlia Naike Rivelli
Brividi sexy alle Terme di Ischia

Domenica 11 Gennaio 2015 di Ciro Cenatiempo
Ornella Muti con la figlia Naike Rivelli

ISCHIA - Brividi sexy alle terme d'inverno. La divina Ornella Muti e la figlia, l'eccentrica Naike Rivelli, trasformano il passo felpato dell'ospitalità ischitana di questo periodo, in una sarabanda di accelerazioni adrenaliniche.


Due donne bellissime in relax in una enclave termale moderna e densa di charme, l'hotel Sorriso Thermae Resort & Spa che domina la baia della mitica Citara, proprio la ninfa che sovrintende alla spiaggia antica, e alla culla delle acque bollenti sul versante occidentale dell'isola.

Due bellezze, due ideali di fascinazione che, da sempre con stili opposti – Ornella, la star che fa parte dell'immaginario globale; e Naike, dalla vocazione un po' ribelle – rilanciano, piuttosto lontano dalla stagione classica di bagni e massaggi, l'etichetta internazionale della località con la più alta concentrazione di bacini termali d'Europa, Ischia, appunto. Sotto il segno del wellness e di uno spirito vip originale. Ammaliante, coinvolgente. Per Naike, che aveva impazzato durante la scorsa estate – e continua a farlo – sui social, tra foto hot, pensieri romantici e fantasie sul suo soggiorno a Ischia, immagini condite con l'uso sapiente e divertito di photoshop, si tratta di un ritorno entusiasta.

Grazie all'invito di Luana Pezzuto, la marketing manager della struttura di proprietà di Antonio e Nello Impagliazzo, operatori molto attenti alla comunicazione e alle strategie di promozione senza frontiere. Termalismo è piacere, innanzitutto, da millenni. Del resto, va detto che l'entusiasmo che straripa è contagioso. Non poteva non esserlo. Fin dallo sbarco a Casamicciola, dopo il viaggio in aliscafo, la formula dell'accoglienza è esplosa in un vero trionfo di popolarità. Dopo aver subito dedicato ai suoi migliaia di follower il messaggio «Good night by Ischia», ieri Naike ha accompagnato Ornella in un tour tra le strade di Forio che, a tratti, è diventato il corteo di fan e curiosi.

In un barnum di attenzioni e regalini, soprattutto di dolci e fiori, le due silhouette da sogno hanno attraversato i vicoli saraceni fino al piazzale della Chiesa di Santa Maria della Neve, a picco sul mare, meglio conosciuta come Chiesa del Soccorso, considerata la terza più bella d'Italia. La foto che ritrae Ornella sorridente e spensierata, mentre lancia un bouquet verso le scale della famosissima icona architettonica del sacro nel Mediterraneo, equivale a uno spot di rara intensità per l'indotto turistico. Una iniezione di fiducia, alla vigilia degli appuntamenti fieristici di settore in Europa, da Monaco a Stoccarda, da Berlino a Mosca, che «fa bene alle imprese locali», commenta Luana Pezzuto, che accompagna le due ospiti ovunque.

«Sono molto felice dei commenti molto positivi – aggiunge - di Ornella Muti, che si distingue anche per l'attenzione con la quale sta seguendo le informazioni che fornisco». L'esplorazione dei luoghi ischitani continua con un intenso programma – tra piscine e privacy – che prevede anche una visita alla Colombaia, la villa immersa nel bosco di Zaro, che fu il buen retiro del maestro del teatro e del cinema, Luchino Visconti. Per la Muti è un omaggio necessario.

Per Forio e l'isola, un rendez-vous che unisce passato e presente, in una prospettiva che lega cultura e jet-set, evocazioni d'antan e mondanità fascinosa, in qualche modo senza tempo. Si tratta, di fatto, anche di una sfida proiettata verso il futuro, in grado di incidere sulla programmazione dell'industria delle vacanze, che ha bisogno di una dimensione consapevole, fondata sul legame tra eventi e sostanza, tra spettacolo e lungimiranza.

Clicca qui per la PROMO

Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 11:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA