Guendalina Tavassi, il mistero della foto con l'occhio nero (poi cancellata): «Sono ancora qua»

Lunedì 13 Settembre 2021
Guendalina Tavassi, il mistero della foto con l'occhio nero (poi cancellata): «Sono ancora qua»

Grande preoccupazione per Guendalina Tavassi. L'ex gieffina nella notte ha pubblicato nelle Instagram stories una foto che la ritrae in lacrime, con un occhio nero, corredata dalla frase: «Io fortunatamente sono ancora qua». L'influencer appare molto turbata nello scatto, con il trucco sciolto per il pianto, in quella che sembra la sala d'attesa di un pronto soccorso. La foto è stata condivisa anche da Gaia Nicolini, figlia della Tavassi, che ha scritto: «A ridurre mia madre così, che schifo. Vergogna, sono senza parole». L'immagine è stata cancellata da entrambi i profili alcune ore dopo, senza dare ulteriori spiegazioni.

LEGGI ANCHE:

Giulia De Lellis mostra la sua acne: «Farmaci da star male e tanto trucco, il mio viso mi faceva impressione»

 

Guendalina Tavassi con un occhio nero: cosa è successo

Ma cosa è successo? La chiave potrebbe essere proprio nella didascalia della foto, dove la parola «fortunatamente» è sottolineata. La stessa parola appare ripetutamente nelle Instagram stories dell'ex marito di Guendalina, l'imprenditore Umberto D'Aponte. Prima pubblica il testo di un oroscopo, in cui si legge la frase: «E tu, fortunatamente, non sei loro». Poi condivide l'immagine di un cocktail e scrive: «Io fortunatamente bevo on the rocks». Infine D'Aponte mostra l'interazione in chat con un fan e la parola incriminata appare per la terza volta.

Il mistero

Quello dell'ex marito di Guendalina Tavassi sembra quindi un modo per chiarire la propria estraneità ai fatti. I rapporti fra i due, dopo la separazione, sono ai minimi storici: lei lo ha di recente accusato di sfruttare i figli per aumentare i propri consensi sui social. Lui si dice sereno, ma la foto è sparita. Cosa è successo a Guendalina Tavassi? Un semplice incidente o qualcosa di più? Il fatto di aver cancellato la foto di certo infittisce il mistero.

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA