Clizia Incorvaia ha il Covid, contagiata dalla figlia Nina: «È un momento duro, mi sento fragile»

L'influencer incinta accudita dal fidanzato Paolo Ciavarro: «Sono fortunata»

Martedì 21 Dicembre 2021 di Elena Fausta Gadeschi
Clizia Incorvaia.

Prima l'ansia per il vaccino in gravidanza, poi la preoccupazione per la figlia Nina risultata positiva e infine il timore di potersi contagiare. Nell'escalation di emozioni di questi ultimi giorni Clizia Incorvaia sperava che sarebbe riuscita a preservarsi prima delle Feste e invece oggi è arrivata la diagnosi: Covid.

 

Clizia Incorvaia positiva al Covid

A due giorni dalla seconda dose di vaccino programmata per il 23 dicembre, la compagna di Paolo Ciavarro ha scoperto di essersi contagiata in famiglia dalla figlia Nina, proprio come temeva. «Non ho la forza di parlare… Sono molto stanca e ho dolori ovunque, credo di aver contratto il Covid anche io…», aveva detto l'influencer ieri su Instagram, accusando un malessere generale che faceva preannunciare brutte notizie.

LEGGI ANCHE

Clizia Incorvaia, un altro bimbo in arrivo e importanti decisioni da prendere durante le festività

 

Dopo un silenzio preoccupante, l'annuncio che non avremmo mai voluto leggere: «Ragazzi ho il covid (non potrò fare la seconda dose di vaccino il 23 dicembre)». Una brutta notizia per Clizia Incorvaia, già in stato di gravidanza avanzato e con una parziale immunizzazione. «È un momento duro, difficilissimo ma voglio pensare di essere fortunata poiché ho accanto un uomo speciale con due attributi così che si sta occupando di noi tutti (la cucciola sta ok)», ha scritto dal suo profilo la fashion blogger, rivolgendo un pensiero al suo Paolo Ciavarro, che in questo momento ha sulle proprie spalle la cura della piccola Nina e della compagna, «accudendoci in tutto, curandoci, sostenendo questo momento di stress immenso poiché inevitabilmente il pensiero va al futuro nascituro “Bebè”». Nel suo lungo messaggio Clizia Incorvaia ha chiesto alla sua «famiglia virtuale» di «inviare solo messaggi motivazionali e non che prospettino ipotesi di scenari drammatici. Poiché sono molto fragile e il sistema immunitario va aiutato da un atteggiamento positivo».

 

La raccomandazione social di Clizia Incorvaia contro il Covid

«Sto passando ore di sconforto poiché ho tre vite da proteggere Nina, bebè e infine me», aveva scritto tre giorni fa Clizia Incorvaia, precisando che la decisione di rimandare il vaccino era stata dettata da una precauzione medica in quanto incinta di pochissime settimane e non perché contraria. L'influencer aveva poi deciso di lanciare un appello via social: «Non abbassate la guardia, vaccinatevi, fate tamponi molecolari (non rapidi) dinnanzi a casi di covid nelle classi dei vostri figli e nel lavoro. Non siate superficiali e riservate la “sana leggerezza” ad altro. Se ci fosse meno menefreghismo è più senso civico non ci troveremmo in questa situazione. Pensate alla vostra pelle come a quella del prossimo. Questo è il migliore messaggio natalizio che potete inviare». Il nostro è quello di una pronta guarigione, Clizia!

© RIPRODUZIONE RISERVATA