Chanel Totti come Ilary Blasi, sexy outfit: tacchi a spillo e provocante. E risponde a tono ai suoi haters

Chanel Totti è sempre più sexy su Instagram, dove si mostra in vesti provocanti: ecco come
Chanel Totti è sempre più sexy su Instagram, dove si mostra in vesti provocanti: ecco come
3 Minuti di Lettura
Lunedì 12 Dicembre 2022, 16:57

Tacchi a spillo e outfit da gala. Non si risparmia la 16enne Chanel Totti che, come mamma Ilary Blasi è sempre più sexy, seppure ancora moto giovane. Total black, capelli raccolti, scarpe con tacco vertiginoso e sguardo sexy: Chanel cresce a vista d'occhio e assomiglia sempre di più all'ex di Totti. Nonostante la separazione, Chanel ha mantenuto ottimi rapporti sia col padre e con la madre con cui spesso pubblica stories e foto, dichiarando il suo amore per entrambi. 

Non è la prima volta che Chanel si mostra sui social in vesti anche hot. E l'esposizione mediatica le ha spesso provocato insulti da parte degli haters. Il suo profilo Instagram, reso pubblico solo recentemente, conta 146mila follower, è preso di mira da decine di persone che la attaccano per il suo aspetto fisico. «Sembri una 30enne, fai impressione», le scrivono in molti. 

I commenti

Mentre suo fratello Cristian tiene un profilo più basso sui social, Chanel sembra sfidare gli hater che la attaccano. Sotto ogni foto ci sono centinaia di commenti offensivi. Il filo conduttore è sempre lo stesso, i presunti "ritocchini" che secondo qualcuno avrebbe già fatto. Tantissimi anche i commenti di sdegno: «È solo una ragazzina, lasciatela in pace», «meritereste una denuncia», «la vostra è tutta invidia», alcuni dei commenti.

Le risposte

Nei modi, Chanel sembra farsi scivolare tutto addosso. Ormai è consapevole delle decine di insulti che le arriveranno ogni volta che condividerà qualcosa, ma non sembra importarle. Fa ancora discutere la risposta data in un recente video di TikTok: «Io rifatta perché non voglio somigliare alle facce di m***a come le vostre». Insomma, se il carattere è quello di mamma e papà, saranno guai per i detrattori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA