Mauro Icardi passa al Galatasaray: ecco le condizioni richieste (e ottenute) da Wanda Nara ai turchi

Un elenco di richieste extra calcistiche che il Galatasaray ha dovuto accogliere per poter avere Mauro Icardi a disposizione

Wanda Nara e Mauro Icardi volano in Turchia: il Galatasaray accetta le condizioni imposte da lei
Wanda Nara e Mauro Icardi volano in Turchia: il Galatasaray accetta le condizioni imposte da lei
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Settembre 2022, 09:18

La telenovela sulla nuova squadra di Mauro Icardi ha avuto un lieto fine. L'attaccante del Paris Saint Germain ha trovato un accordo con il Galatasaray e in queste ore sta volando con la famiglia in direzione Turchia. Ma, una volta limato l'accordo tra i due club, a far parlare di sé, è ancora una volta Wanda Nara. La showgirl avrebbe fatto richieste ben precise al club turco per dare il via libera all'ingaggio del suo assistito, nonché marito. 

Flavio Briatore: «Mai visto un povero creare posti di lavoro. E i giovani preferiscono il reddito di cittadinanza»

Le richieste di Wanda

Secondo quanto riferito dalla giornalista Pia Shaw nel programma argentino LAM, la showgirl avrebbe pretesto delle garanzie in vista di un eventuale trasferimento a Istanbul, in Turchia. «Uno chef personale, scuole prestigiose per i figli, un hotel pagato fino a dicembre, una casa, sicurezza per lei e la sua famiglia e un autista disponibile 24 ore su 24», questo l'elenco dettagliato delle condizioni volute da Wanda Nara. Anche solo l'assenza di una di queste, avrebbero fatto saltare una trattativa voluta soprattutto dal Paris Sain Germain.

Icardi lascia il PSG

In una recente intervista Wanda non ha nascosto di apprezzare molto la Turchia: «È un posto che amo. Sono stata in vacanza lì circa 6-7 volte, da sola e con i miei figli, è una meta che mi piace». E il benestare della moglie ha sicuramente convinto anche Mauro Icardi, che per un'estate intera ha cercato disperatamente una sistemazione che gli permetta di tornare a giocare con regolarità. L'attaccante arriva a Istanbul con la formula del prestito secco, in attesa che il suo contratto faraonico con i parigini scada il 30 giugno 2024.

© RIPRODUZIONE RISERVATA