Raoul Bova ospite a Belve da Francesca Fagnani: dal divorzio con Chiara Giordano alla relazione con Rocio Munos Morales

foto

Raoul Bova è stato annunciato ocme secondo ospite della seconda puntata di Belve. Come sempre, Francesca Fagnani cercherà di approfondire la storia dell'intervistato, con domande precise e puntuali e l'attore ha deciso di parlare a lungo della sua carriera lavorativa e personale nei primi anni di successo: dal matrimonio con Chiara Giordano, alla relazione attuale con Rocio Morales, passando per il rapporto con la ex suocera che, ancora porta alcuni strascichi.

Andiamo  a leggere che cosa ha rivelato. 

 

Belve, Emanuele Filiberto: «Ho tradito mia moglie Clotilde e ho fatto uso di droghe. Le leggi razziali? Mi scuso»

Belve, Arisa ritorna tra le "grinfie" di Francesca Fagnani. Ecco gli altri 6 vip confermati

 

 

 

 

 

Raoul Bova e il divorzio da Chiara Giordano

Raoul Bova ha raccontato di aver sofferto molto per il divorzio da Chiara Giordano, soprattutto per le voci sulla sua presunta omosessualità che sono inizate a circolare immediatamente dopo. 

«In quel periodo non si ha la lucidità per dire cose esatte. Ho semplicemente smentito quello che si diceva su di me. Molti parlano di questo lato un po' così, ma ognuno la pensa come vuole», ha rivelato a Francesca Fagnani.

Sul suo rapporto con la ex suocera, l'avvocato Annamaria Bernardini De Pace, e sulla lettera scritta da lei e pubblicata poco dopo ("Caro genere degenerato"), lui replica con «Sono cose che fanno le persone che hanno un grosso dolore, cercano di sfogare la rabbia attraverso qualsiasi mezzo per danneggiare l'altro, pensando che il dolore poi si attenui. Ma penso che alla fine sia un boomerang, il dolore torna indietro».

La relazione con Rocio Munos Morales

Raoul Bova ha parlato anche della sua attuale relazione, con l'attrice Rocio Munos Morales: «Abbiamo superato a volte lo scetticismo sulla nostra storia, a volte qualche attacco, e devo dire che siamo andati avanti bene e credendo in noi stessi. Le cose, quando si lascia passare il tempo e si dimostrano con i fatti, funzionano».