Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Industriali in fermento, Luciani eletto alla guida dell'Uif: nuovo step di Fermo per l'addio ad Ascoli

Industriali in fermento, Luciani eletto alla guida dell'Uif: nuovo step di Fermo per l'addio ad Ascoli
di Massimiliano Viti
2 Minuti di Lettura
Sabato 7 Agosto 2021, 06:25

FERMO - Uif-Unione Industriali del Fermano elegge Fabrizio Luciani presidente e ribadisce la sua posizione all’interno di Confindustria Centro Adriatico: sciogliere l’associazione, dividersi con Confindustria Ascoli e tornare a essere autonoma.

«Nei prossimi mesi dovremo lavorare in sintonia. Verrà infatti definita la divisione, attraverso passaggi tecnici affidati al comitato di reggenza di Centro Adriatico guidato da Valentino Fenni sotto la supervisione di Confindustria Nazionale. Sapere di avere al mio fianco una territoriale compatta mi dà forza e serenità» è il pensiero espresso da Luciani, 61 anni, imprenditore alla guida di Centro Ufficio Group di Montegranaro, che per tre anni sarà il presidente Uif, associazione che conta quasi 300 iscritti.


La strategia

L’Uif che ha già deciso la fine del sodalizio Centro Adriatico attende ora la decisione di Confindustria Ascoli. «L’uscita di Uif era l’unica strada percorribile dopo aver consultato gli associati - ribadisce Luciani - ma questo non va a inficiare il percorso che ci attende e che sarà di collaborazione con tutto il sistema di Confindustria. Le peculiarità di ogni territorio devono essere una risorsa, non un limite per la crescita delle nostre imprese. Questo è un impegno che prendo come presidente». Luciani aveva ricoperto il ruolo di presidente facente funzioni dopo le dimissioni di Giampietro Melchiorri avvenute il 4 novembre 2020, che hanno rappresentato lo scoppio della battaglia tra Fermo e Ascoli all’interno di Confindustria. I tre saggi di Uif (Paolo Bracalente, Sergio Ciavaglia e Federico Steca) hanno consultato gli imprenditori associati e hanno ricevuto una risposta quasi unanime per Luciani che, dopo esser stato indicato dalla giunta, è diventato presidente con voto unanime durante l’assemblea dell’associazione avvenuta giovedì sera. «Ringrazio gli associati per la fiducia. Insieme supereremo questo momento complicato sia a livello associativo, sia imprenditoriale» ha affermato Luciani, che guida anche il comitato Piccola Industria in seno a Confindustria Centro Adriatico.


I nomi
Nominati tre vicepresidenti: Lara Vallasciani di Monte Urano (del settore calzaturiero), Stefano Violoni di Altidona (settore edile) e Carlo Forti di Monte Vidon Corrado (settore cappello). «I vicepresidenti portano esperienza, capacità e freschezza, elementi fondamentali per una associazione che deve guardare al futuro» ha osservato lo stesso Luciani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA