A14 caos e rebus vaccini frenano le prenotazioni per giugno negli alberghi

Martedì 15 Giugno 2021 di Chiara Morini
Le code in A14

FERMO - Villaggi vacanze quasi sold out. «Dal 19 giugno al 4 settembre all’Holiday di Porto Sant’Elpidio siamo sold out» dice Daniele Gatti che, in qualità di presidente dell’associazione Villaggi Marche, commenta pure «poco ci manca anche nelle altre strutture. Per noi sono buone notizie, i segnali di ripresa sono alti».

LEGGI ANCHE:

Variante Delta, riaperture rinviate in Gran Bretagna al 19/7. Johnson: «Siamo preoccupati»

Maneskin, Giorgia Soleri è bisessuale. La rivelazione della fidanzata di Damiano su Instagram

 

Da adesso in poi, non nella prima parte di questo mese. «Puntavamo anche sulla bassa stagione, ma è persa – dice Gatti – qui hanno pesato le incertezze legate al Covid». E cita pure quali sono state nel concreto: il coprifuoco, la presenza ancora dei colori diversi tra le regioni, e, non ultimo, anche quello legato ai vaccini. «Qualcuno avrebbe pure voluto venire in vacanza prima, anticipando un po’ i tempi, ma le questioni legate ai pass vaccinali, seconde dosi, e quant’altro non hanno certo incentivato, tutt’altro. Siamo comunque pronti a ripartire a pieno ritmo».  


Se i villaggi hanno già dato quanto a prenotazioni, i B&B le stanno raccogliendo adesso. «Da poco abbiamo aperto il portale dell’associazione, che si sta dimostrando funzionale e utile, e da lì stanno arrivando moltissime richieste» dice il presidente dell’associazione B&B del Fermano, Devis Alesi. Ad agosto sono quasi soldout, a luglio ci sono ancora pochi posti, a settembre invece c’è ancora disponibilità. «È andata peggio a giugno – dice Alesi – ma adesso si sta sbloccando. Ci attendiamo un buon aumento di richieste e prenotazioni, e quindi siamo ottimisti per la stagione che sta partendo, anche perché finalmente si inizia a fare gioco di squadra e a promuovere il territorio tutto. Siamo un po’ meno ottimisti per la viabilità».

La preoccupazione? Ha un nome ben preciso, A14, e i disagi che si sono visti fino ai giorni scorsi. «Ci chiamano e ci chiedono informazioni, hanno timore di quello che possono trovare – prosegue Alesi – e poi sì c’è il discorso dei vaccini: in vacanza potrebbero anche dare il là alle prenotazioni».  Se per i B&B la stagione si prospetta con buone prospettive, per gli alberghi, invece, c’è tanta incertezza. «Giugno? È proprio inesistente o quasi – commenta il presidente Ataf Gianluca Vecchi – se non fosse per il torneo di boxe, sarebbe stato ancora peggio. Le prenotazioni vanno a rilento, pure peggio dell’anno scorso». E dire che i contatti ci sono, e una piccola ripresa dell’interessamento da parte dei potenziali turisti c’è pure. «Chiedono informazioni, ma non prenotano – rileva – e il dubbio è legato ai vaccini». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA