Il giustiziere della notte a Torre San Patrizio: entrano nella casa della cognata, anziano li minaccia con pistola, mazza da baseball, machete e ascia

Carabinieri in azione, denunciato l'uomo e i due ragazzi (trovati poi in possesso di eroina)

Il giustiziere della notte a Torre San Patrizio
Il giustiziere della notte a Torre San Patrizio
3 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Maggio 2024, 10:45 - Ultimo aggiornamento: 16:18

MONTEGIORGIO - Voleva farsi giustizia da solo e, come Rambo, si era presentato con una pistola, una mazza da baseball, un'ascia e un machete. Un pensionato di 68 anni è stato ritenuto responsabile di minaccia aggravata con arma e porto abusivo di armi, due giovani considerati responsabili in concorso di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. I Carabinieri della Compagnia di Montegiorgio hanno effettuato un singolare intervento nel paese di Falerone, che ha portato alla denuncia in stato di libertà di tre persone coinvolte a vario titolo in gravi reati. In particolare, i militari della locale Stazione dei Carabinieri di Falerone, insieme a quelli della Stazione di Monte San Pietrangeli, dopo essere stati allertati dalla Centrale Operativa di Montegiorgio hanno identificato e denunciato il 68enne pensionato di Torre San Patrizio, un 31enne disoccupato di Napoli e un 34enne tunisino residente a Napoli. La vicenda ha avuto inizio quando il pensionato ha sorpreso i due giovani nelle pertinenze dell'abitazione in ristrutturazione della cognata,  a Torre San Patrizio. Convinto che stessero compiendo un furto, il pensionato li ha fermati minacciandoli con una pistola chiamando poi il numero di emergenza "112". I Carabinieri sono intervenuti prontamente e hanno disarmato l'uomo, che continuava ad agitarsi e puntare l'arma contro i giovani.

Durante il controllo è emerso che la pistola, un calibro 9, regolarmente detenuta, era priva di caricatore ma con sette cartucce all'interno del caricatore trovato a terra. I due giovani sono stati invece perquisiti e trovati in possesso di alcune dosi di eroina.

Armi in macchina

Nell'auto del pensionato, i militari hanno trovato un secondo caricatore della pistola con altre sei cartucce, una mazza da baseball, un'ascia con manico di 36 cm e lama di 17 cm e un machete di 56 cm con lama di 42 cm. Le armi, le munizioni e la sostanza stupefacente sono state sequestrate. Inoltre, presso l'abitazione del pensionato si è proceduto al ritiro cautelativo delle altre armi regolarmente detenute, un fucile calibro 8, un fucile calibro 28, una carabina e la licenza di porto d'armi per uso sportivo che l'uomo possedeva.

Massacro sventato

L'intervento dei Carabinieri ha permesso di sventare potenziali tragiche conseguenze. In tal senso è importante rammentare che le forze dell'ordine sono le uniche autorità legalmente autorizzate a garantire la sicurezza e l'ordine pubblico e sono a tal fine addestrate ed equipaggiate proprio per gestire situazioni di emergenza in modo professionale e conforme alla legge. Provare a farsi giustizia da soli può essere pericoloso e può portare a conseguenze impreviste e indesiderate poiché si rischia di peggiorare una situazione di pericolo o ancora peggio di commettere reati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA