Sesso ai giardini
​Residenti in allarme

Venerdì 17 Ottobre 2014
Sesso all'aperto in questo parco giochi.

PORTO SANT'ELPIDIO - Un quartiere intero che chiede più considerazione, controlli e soprattutto più legalità. Sarà perché l'illuminazione da qualche giorno non funziona o perché il furto con spaccata al bar Lorè di lunedì notte ha lasciato il segno, fatto sta che residenti e commercianti del quartiere Cretarola chiedono maggiori controlli. Da due mesi accadono furti a raffica nelle case e nei negozi, tanti dei quali non sono denunciati. Ai furti si aggiungono gli atti di vandalismo, l'uso di stupefacenti tra giovanissimi. "Si rasenta l'indecenza" dicono a Cretarola, dove una coppia è arrivata a consumare un rapporto sessuale nel parco giochi per bambini, nella piazza intitolata a Sandro Pertini. I due non sono passati inosservati. "I cittadini si rivolgono a noi dell'associazione per segnalare le cose che non vanno - racconta Mario Franceschetti, presidente dell'associazione quartiere Cretarola - una mia cugina che vive sola, nella casa all'inizio di piazza Sandro Pertini, mi ha detto di aver visto una coppia fare sesso al parco, in uno dei giochi per bambini, tutto alla luce del sole. Al centro sociale abbiamo dovuto chiudere il ripostiglio, perché era diventato un punto d'incontro la sera, ogni mattina dovevamo ripulire noi".

"La zona è poco pattugliata, da due mesi si verificano furti nelle abitazioni e nei negozi - afferma Valentino Vesprini, che vive e lavora a Cretarola - è stato visto un ragazzino con una persona più grande che lo accompagnava e poi lo riveniva a riprendere in macchina. Questo ragazzino pare abbia messo a segno diversi furtarelli, piccole cose che però recano parecchi danni. Noi, in officina, abbiamo la vigilanza, mi rendo conto che polizia e carabinieri non possono arrivare ovunque. Questa è la crisi. La gente non lavora e c'è chi si arrangia come può". "Io non sono mai tranquillo - ammette Dario Trapè che vive in campagna - il mio cane Charlie fa la guardia, la sera si mette sul ciglio della strada e abbaia se vede qualcosa di strano. Io sento abbaiare spesso e mi affaccio alla finestra. Mi tutelo così. All'amministrazione chiedo più attenzione per questo quartiere". Francesca Faggio è la titolare della pizzeria "A tutta pizza" e afferma "i ladri hanno provato a entrare nel mio locale a fine settembre, hanno fatto parecchi danni, hanno rotto la persiana. Ho messo il frigo davanti alla finestra perché ho paura che provino a entrare di nuovo. Inoltre - aggiunge la donna - qualche giorno fa, alle 5 di mattina, sono stati visti due ragazzi smontare lo specchio stradale, se lo sono portato via, era già accaduto altre volte". "Vedo passare spesso i carabinieri, ma i ladri sono veloci. Da noi sono venuti a rubare a casa, ma non possiamo pretendere l'impossibile. Girano tanti stranieri la notte e sono tutti senza lavoro e il personale delle forze dell'ordine è ridotto" sostiene Franco Lattanzi, del negozio alimentari. La moglie, Rosella Mattiozzi, dice "sono tre, quattro notti che le luci non funzionano in via Garda, sarebbe il caso di sistemare l'illuminazione". Caterina Melonaro gestisce col compagno il New Bar, al distributore di benzina "nella zona dell'autolavaggio circola droga, vedo movimenti strani - dice la ragazza - noi abbiamo raddoppiato la vigilanza dopo il furto al bar Lorè. Ripariamo alla mancanza di controlli a tappeto delle forze dell'ordine. Se ci fossero state più ispezioni, il furto lunedì non si sarebbe verificato". Il vivaista Stefano Offidani non vive a Cretarola, ci lavora, dice "ho avuto un piccolo furto due mesi fa, non l'ho nemmeno denunciato. Non ci sono stati danni come invece accadde tre anni fa. Allora mi portarono parecchio discapito. Quest'ultima volta, secondo me, sono stati i tossici".

SESSO NEI GIARDINI

"Da quartiere chesi diceva tranquillo , una volta, con rammarico devo dire che le cose sono cambiate" dice il vicepresidente del quartiere Cretarola, Angelo Tosoni. "Subiamo furti nelle case, troviamo siringhe usate nei parchi giochi per bambini e lì s'incontrano anche gli spacciatori la sera. La notte vediamo persone che s'incontrano, si capisce che ci sono scambi di soldi e droga. La sera i ragazzi rollano e fumano. In piazza Pertini, addirittura, una persona ha notato una coppia che faceva sesso all'aperto sui giochi dei bambini. Non si vive più". E' esasperato Tosoni, "vogliamo più controlli - dice - chiediamo che la notte ci siano più passaggi delle forze dell'ordine a Cretarola. Mi rendo conto che è molto difficile fare questo nel periodo in cui viviamo, un momento nero per tutti. Capisco che non possiamo pagare straordinari per aumentare i controlli, ma sono sicuro che con una gestione un po' diversa della macchina amministrativa, i soldi si possono trovare, recuperandoli dagli investimenti inutili. Dico questo da cittadino" ammette il vicepresidente dell'associazione di quartiere. "I soldi - continua Tosoni - vanno spesi dove servono". Droga, furti, atti vandalici, "si registrano eccome - afferma l'uomo - a Cretarola si viveva tranquillamente fino a cinque anni fa. Poi le cose sono cambiate. Il centro sociale, ad esempio, essendo in una zona un po' nascosta si riempie di ragazzi che di notte fanno di tutto. Fino a mezzanotte si recano in gruppo nella zona delle capanne, li vediamo entrare la sera e il mattino seguente troviamo pieno di siringhe e profilattici".

Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 16:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA