Gli incidenti stradali si ricostruiscono in 3D, un dispositivo alla polizia locale per effettuare rilievi più precisi

Gli agenti della polizia locale di Sant'Elpidio a mare che hanno partecipato al corso
Gli agenti della polizia locale di Sant'Elpidio a mare che hanno partecipato al corso
di Pierpaolo Pierleoni
3 Minuti di Lettura
Martedì 18 Maggio 2021, 08:43

SANT’ELPIDIO A MARE - Rilievi in 3d per gli incidenti stradali. E’ la nuova tecnologia adottata dal Comune di Sant’Elpidio a Mare, che ha dotato il corpo di polizia locale di un dispositivo ad alta tecnologia. Nessun altro al momento lo utilizza nel territorio regionale.

Barista reagisce alla rapina, picchiato alla testa dal giovane bandito. Giallo su un colpo di pistola

Si schianta con lo scooter, muore a 70 anni. Tragico incidente all'incrocio, l'uomo contro un palo della segnaletica

 

Consentirà una rilevazione del luogo del sinistro, del veicolo, della posizione, dei danni, di tutte le tracce e permetterà di eseguire rilievi puntuali e precisi grazie alla tecnologia 3D. Il dspositivo si chiama iCam3d, consente un rilievo fotografico e planimetrico tridimensionale in un’unica operazione di acquisizione di dati tramite uno strumento apposito. Spiega l’ente che il macchinario sfrutta un’emissione ad elevato numero di raggi, che effettua una mappa dettagliata della situazione e costruisce un modello tridimensionale.

Questo consentirà di capire esattamente la situazione che si è presentata agli occhi degli agenti intervenuti sul luogo di un incidente. La deformazione dei veicoli nell’impatto, attraverso l’innovativa Cam, consente di comprendere la velocità al momento dello scontro e la dinamica del sinistro. Sant’Elpidio a Mare è il primo Comune marchigiano a utilizzare questa tecnologia.

Una scelta coerente con le decisioni assunte in Prefettura, al comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, che ha raccomandato di investire le polizie locali di un ruolo ancora più centrale nel rilevamento di incidenti, per liberare le altre forze dell’ordine e consentir loro di dedicarsi prevalentemente alla prevenzione e repressione di reati. Tutti i vigili hanno seguito nelle scorse settimane una giornata formativa per imparare ad effettuare i rilievi con il nuovo apparecchio.

Soddisfatto il sindaco elpidiense Alessio Terrenzi, che rimarca «la scelta di dotare la nostra polizia locale del dispositivo. Ci permetterà di avere diversi vantaggi, quali la semplificazione delle attività in campo per il rilievo, la massima oggettivazione delle operazioni, la riduzione dei tempi di acquisizione dei dati e dei rischi legati ad eventuali errori o contaminazioni. I nostri agenti potranno, e siamo i primi nelle Marche a disporne, avere un collaboratore tecnologico che permette di rilevare tempestivamente gli incidenti in modo inoppugnabile. Ringrazio la ditta fornitrice per la capacità innovativa manifestata mediante l’ideazione del sistema e la professionalità con cui si relaziona costantemente con gli operatori di polizia locale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA