Rovinosa caduta durante l'escursione: Sara muore in ospedale a 36 anni

Martedì 25 Febbraio 2020
Sant'Elpidio a Mare, rovinosa caduta durante l'escursione: Sara muore in ospedale a 36 anni

SANT’ELPIDIO A MARE - Una caduta rovinosa durante l’escursione. Un volo di oltre 10 metri, il capo che sbatte a terra, i soccorsi in un punto particolarmente impervio, il trasporto in volo verso l’ospedale, poi il tragico epilogo. E’ morta ieri mattina Sara Dorotei, 36enne di origini elpidiensi, ma da qualche anno trasferita per motivi professionali in Toscana, dove lavorava come farmacista. Il grave trauma cranico riportato sabato pomeriggio, durante un’escursione insieme al compagno all’Isola d’Elba, non le ha lasciato scampo. Il fine settimana è trascorso, per amici e familiari, nella flebile speranza che le sue condizioni potessero migliorare, svanita definitivamente all’alba di ieri.

LEGGI ANCHE:
Raffica di furti in bar e chalet: preso un ladro trovato con il vino rubato, è caccia al complice

Doppia beffa per i ladri del bar: fermati dal nebbiogeno, inseguiti e arrestati

La giovane si trovava, secondo le ricostruzioni arrivate dai soccorritori, in una zona scoscesa in località Volterraio e le sarebbe stata fatale una scivolata. E’ volata in un precipizio, finendo in una zona difficile da raggiungere, tanto da richiedere l’intervento dei vigili del fuoco, che sono riusciti a recuperarla con tecniche speleo alpino fluviali. Quando è stata caricata in barella era in stato di semincoscienza. Aveva sospette fratture agli arti inferiori e segni di contusioni per via della rovinosa caduta, ma da subito a preoccupare i sanitari è stato soprattutto un serio trauma cranico. Oltre ai soccorritori del 118, sul posto è intervenuta anche una pattuglia dei carabinieri per i rilievi dell’incidente. La 36enne è stata così condotta in eliambulanza all’ospedale di Pisa, dove ha trascorso le sue ultime ore. Sara Dorotei lascia il compagno, i genitori ed una sorella minore. La sua famiglia è molto conosciuta e stimata, vive da anni a Montegranaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA