Sant'Elpidio a Mare, la polizia ferma supercar con assicurazione falsa: denunciati proprietario e assicuratore

Sant'Elpidio a Mare, la polizia ferma supercar con assicurazione falsa: denunciati proprietario e assicuratore
Sant'Elpidio a Mare, la polizia ferma supercar con assicurazione falsa: denunciati proprietario e assicuratore
2 Minuti di Lettura
Sabato 26 Novembre 2022, 10:53 - Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 07:53

SANT’ELPIDIO A MARE - Denunciati per uso e falsità in atto pubblico il proprietario e un assicuratore di una Mercedes che, dopo un controllo all’area di servizio Chienti Est dell’A14 nel Comune di Sant’Elpidio a Mare, hanno indotto in errore una pattuglia della Polizia autostradale. Gli agenti  hanno contestato l’assenza di copertura assicurativa, che nella copia telematica risultava avere una data alterata.

Assicurazione falsa, la Polizia denuncia proprietario e assicuratore

Durante la stesura degli atti, il conducente ha chiamato telefonicamente il proprio assicuratore con agenzia nella provincia di Pesaro che, poco dopo,  ha mandato via posta elettronica certificata, agli uffici della Sezione Polizia Stradale di Fermo, una dichiarazione dove riferiva che l’auto era regolarmente assicurata ma per un “errore di flusso” non risultava nelle banche dati. Per provarlo, ha allegato anche le copie del certificato assicurativo e del registro di cassa dell’agenzia, che risultavano apparentemente regolari.

Da una successiva e approfondita analisi in ufficio delle copie dei documenti inviati, invece, sono state riscontrate incongruenze e, presi contatti con l’ufficio antifrode della compagnia assicurativa nazionale, è stata confermata l’irregolarità della documentazione e la mancanza di copertura assicurativa.

La polizia consiglia di verificare sempre la copertura assicurativa dei propri veicoli, tanto più oggi che basta consultare “Il Portale dell’automobilista” (banca dati online aggiornata in tempo reale di tutti i veicoli a motore e rimorchi immatricolati in Italia) o alcune applicazioni gratuite scaricabili sul proprio smartphone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA