«Ex ospedale, basta con le bugie». La polemica si fa sempre più accesa

«Ex ospedale, basta con le bugie». La polemica si fa sempre più accesa
«Ex ospedale, basta con le bugie». La polemica si fa sempre più accesa
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Agosto 2022, 06:20 - Ultimo aggiornamento: 09:25

SANT’ELPIDIO A MARE -  «Mi chiedo con che coraggio la consigliera regionale Jessica Marcozzi rivendichi meriti per il trasferimento dei medici di base all’ex ospedale di Sant’Elpidio a Mare». Così il consigliere comunale del Pd Fabiano Alessandrini, che striglia la capogruppo di Forza Italia in Regione e non risparmia stoccate al sindaco di Sant’Elpidio a Mare Alessio Pignotti.

La Marcozzi ieri esprimeva soddisfazione per l’ormai imminente ingresso dei medici di base alla struttura sanitaria di Sant’Elpidio a Mare, dove effettueranno la loro attività ambulatoriale, occupandosi anche della gestione del presidio. La consigliera si complimentava inoltre con l’amministrazione Pignotti che si è fatta garante dei tempi di ultimazione dei lavori affinché l’accesso dei medici avvenga prima possibile.

«Parto dal rilevare che in campagna elettorale per le Comunali la Marcozzi è rimasta ben nascosta, come ha fatto con il simbolo del suo partito - punge Alessandrini – Ora invece è onnipresente al fianco del sindaco Pignotti, a conferma di come la tanto sbandierata coalizione civica sia a tutti gli effetti targata Forza Italia. Per quanto riguarda le dichiarazioni trionfalistiche sulla struttura di Sant’Elpidio a Mare, giova ricordare che quella progettualità risale ad alcuni anni addietro, la Marcozzi non se ne è mai interessata e non ha avuto alcuna parte in causa nella sua attuazione. È stata voluta dalla precedente direzione di area vasta Asur. Il Covid ha ritardato i tempi di un’operazione che, non ci fosse stata la pandemia, si sarebbe già concretizzata da almeno un anno. Il centrodestra di cui fa parte la consigliera di Forza Italia, invece, ha vinto la campagna elettorale promettendo che i piccoli ospedali li avrebbe riaperti. Pignotti e la Marcozzi, invece di fare da garanti di un’operazione già decisa da tempo, si interessino in concreto della carenza di parcheggi, che è la vera criticità dell’ospedale elpidiense».

Critico, Alessandrini, anche sulla presa di posizione di qualche giorno fa, da parte del sindaco Pignotti, in merito alla riforma sanitaria regionale appena approvata. «Il sindaco ha fatto sapere di aver mandato le sue osservazioni al governatore Acquaroli, in totale autonomia. Di fronte ad una scelta che cambia in modo sostanziale l’assetto della sanità marchigiana, il minimo sarebbe stato aprire un dibattito con il Consiglio comunale, o quanto meno, se i tempi erano stretti, interessare la conferenza dei capigruppo, così da esprimere una posizione rappresentativa della città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA