“Assassinio sul Cluana Express”: quando i baby attori sono innamorati del giallo

Assassinio sul Cluana Express : quando i baby attori sono innamorati del giallo
“Assassinio sul Cluana Express”: quando i baby attori sono innamorati del giallo
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 08:10

SANT'ELPIDIO A MARE - Un grande classico del giallo in versione elpidiense. Un lavoro durato un anno, fatto di impegno e ricerca, che ha riscosso meritati applausi, alla prima, all’arena Sordi di via Cunicchio. “I misteri del nostro borgo” è il titolo del progetto scolastico interdisciplinare della V B alla scuola primaria capoluogo di Sant’Elpidio a Mare, ideato dell’insegnante Antonella Mecozzi, affiancata dalle colleghe Anna Segatori, Stefania Cutrina e Federica Bonfigli.

Gli alunni hanno approfondito, nel corso dell’anno scolastico, il testo giallo, la sua struttura, i metodi d’indagine di 4 investigatori. Si è analizzato in particolare il personaggio di Hercule Poirot, ideato da Agatha Christie. Sono stati letti alcuni brani dei suoi romanzi e viste le trasposizioni cinematografiche delle opere. È stata tratta così una sceneggiatura, con la collaborazione dell’esperto teatrale Alessandro Maranesi(con lui anche Paolo Malaspina e Riccardo Renzi di Progetto Creazione), che ha rappresentato Assassinio sull’Orient Express, ambientandolo però nei luoghi più suggestivi di Sant’Elpidio a Mare e in una precisa collocazione storica.

È nato così “Assassinio sul Cluana Express”, una fusione tra il celebre romanzo con le tradizioni locali e la memoria storica del territorio. Anche i nomi dei personaggi sono stati cambiati con i nomi di famose famiglie elpidiensi, come Fassitelli, Bartolucci e Martinelli. Il risultato è stato un piacevole spettacolo, in cui gli studenti/attori hanno dato anche un’ottima prova di memoria, visto il copione molto impegnativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA