Sant'Elpidio a Mare, operazione pulizia
Adulti e bambini scendono in strada

Sant'Elpidio a Mare, operazione pulizia Adulti e bambini scendono in strada
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Maggio 2015, 12:05 - Ultimo aggiornamento: 16:10

SANT'ELPIDIO A MARE - Bambini e adulti hanno risposto all’invito, sono scesi in strada a pulire.

Tutti a “sporcarsi le mani” per una giornata contro l’abbandono indiscriminato dei rifiuti.

Tre gruppi si sono mossi nei tre quartieri di Cascinare, Castellano e Bivio Cascinare per ripulire scarpate, strade e marciapiedi dalla sporcizia che quotidianamente resta a terra. Si è trovato di tutto, a dire il vero. I partecipanti, con i bambini in testa, hanno verificato con le loro mano quanto si possa essere incivili nel lasciare in giro sporcizia di ogni tipo. I tre gruppi si sono spostati seguendo un percorso prestabilito per ritrovarsi, sacchi alla mano, alla piastra polivalente di Cascinare dove l’Ecoelpidiense aveva fornito dei cassonetti da riempire con il materiale raccolto, suddiviso per tipologia.

Tutti e tre i cassonetti sono stati riempiti fino all’orlo. I partecipanti si sono poi trattenuti per una merenda tutti insieme, a lavoro ultimato, ed i bambini hanno anche trovato le energie per dedicarsi al gioco dopo la fatica. I gruppi sono stati coadiuvati da due volontari della Protezione Civile e da adulti che hanno fatto in modo di rendere il percorso sicuro lungo le strade cittadine, soprattutto le più trafficate.

Nei tre gruppi presenti parecchie mamme che, nel giorno della loro festa, hanno scelto di mettersi al lavoro per la comunità piuttosto che godersi un giorno di meritato riposo. Un modo senza dubbio originale per festeggiare la festa della mamma!

Assenti giustificati il parroco, don Emanuele, ammalato e l’Assessore Stefania Torresi che ha non ha potuto partecipare per via di un lutto che ha colpito la comunità di Cascinare.

“Questa bella esperienza – commenta i sindaco, Alessio Terrenzi, che ha sostenuto l’iniziativa proposta dalle Associazioni – sarà ripetuta anche in altre zone del territorio. Ovviamente nessuno vuole dire che i cittadini debbano sostituirsi a chi ha l’obbligo di pulire. Non è questo lo spirito. L’idea è quella di alzare la voce, con un gesto concreto, contro tutti coloro che abbandonano rifiuti in modo indiscriminato e che fanno trovare di tutto per strada. Un plauso a tutti coloro che hanno partecipato e che hanno preferito mettersi al lavoro piuttosto che andare al mare o andare a divertirsi altrove”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA