Porto Sant'Elpidio, il triathlon spopola
sul lungomare. Migliaia di atleti

Porto Sant'Elpidio, il triathlon spopola sul lungomare. Migliaia di atleti
3 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Giugno 2018, 06:51
PORTO SANT'ELPIDIO - Oggi la giornata clou del triathlon ottava edizione a Porto Sant’Elpidio, megaevento sportivo con base all’Orfeo Serafini, kermesse capace di valorizzare tutto il lungomare e non solo, grazie a tremila atleti arrivati da tutta Italia per sfidarsi nello sport multidisciplinare dove bisogna primeggiare nel nuoto, in bicicletta e nella corsa. Una staffetta senza interruzioni dove a vincere è la passione per lo sport anzitutto. Strabiliante successo della manifestazione organizzata da Minerva Roma, Federazione Italiana Triathlon e assessorato allo sport del Comune portoelpidiense con il patrocinio di Coni, Provincia e Regione. 

Tante emozioni hanno fatto vivere i triatleti in gara non solo nelle due giornate che hanno preceduto questa domenica ma anche nelle due serate di venerdì e ieri perché sono stati momenti di grande spettacolo. Ieri sera la sfilata di moda, la ginnastica artistica e musica con dj nella serata “Sport elegance”. Venerdì sera la maratonina in notturna organizzata con le società podistiche e la Croce Verde. Ma oggi è il giorno da non perdere, questa è la gara quella vera. Sveglia all’alba e per le 14.30 le premiazioni chiudono i giochi. In questa quattro giorni è stata un’incetta di emozioni, entusiasmo e tanta voglia di competere ma l’appuntamento odierno è irrinunciabile. Bella gara sia dal punto di vista del percorso, tecnico e muscolare, sia per quanto riguarda la location. 

Atleti da 18 Regioni, tutte eccetto Veneto, Valle d’Aosta e Sicilia. Chi vince oggi va alle Olimpiadi. In gara bambini dai 6 ai 10 anni nel duathlon e ragazzi dagli 11 ai 19 anni nel Triathlon percorso Coppa Italia. «Ricordo tutti i passaggi, l’inizio 10 anni fa e 8 anni fa il connubio con Fitri e Minerva Roma – dice l’assessore Sebastiani – questo è un evento straordinario dal punto di vista sportivo e turistico, i posti letto in città non sono stati sufficienti a ospitare tutti gli atleti e le famiglie, gli amici e gli accompagnatori, abbiamo coinvolto i Comuni limitrofi». Comotto è presidente Minerva Roma e vicepresidente Fitri e sottolinea «a Porto Sant’Elpidio abbiamo trovato una disponibilità che non si trovava ovunque, qui c’è voglia di fare, c’è spirito di collaborazione e c’è lo spazio dell’Orfeo Serafini che dà il sapore di una gara internazionale. Siamo arrivati a proporre una gara significativa che viene messa alla pari della gara di Bardolino. A Roma non siamo riusciti a fare altrettanto. Dai mille triatleti dell’inizio siamo arrivati a tremila di oggi e la manifestazione si arricchisce di eventi ad ogni nuova edizione, prima i campionati studenteschi e la novità di quest’anno: il campionato paralimpico. Il triathlon è uno sport per tutti ed è un momento sociale importante».
© RIPRODUZIONE RISERVATA