Franchellucci ci dà un taglio: la Tari ridotta del 10% per tutti

Franchellucci ci dà un taglio: la Tari ridotta del 10% per tutti
Franchellucci ci dà un taglio: la Tari ridotta del 10% per tutti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 07:40

PORTO SANT’ELPIDIO  - Tari ridotta del 10% per tutti, 400mila euro d’impegno del Comune in direzione delle famiglie e del commercio. Il punto all’ordine del giorno in Consiglio è stato votato all’unanimità, 15 consiglieri su 15 approvano la riduzione della tassa rifiuti per utenze domestiche e non. E si ragiona su come incassare 4,5 milioni di Tari inevasa. 


La risposta alla crisi
«Vista la situazione economica, la crisi, la guerra in Ucraina, l’impennata dell’inflazione che fa schizzare i prezzi di beni e servizi, vogliamo dare un segnale forte per aiutare famiglie ed attività economiche – dice l’assessore al Bilancio Marco Traini – applichiamo una riduzione della Tari 2022 del 10% sulla parte fissa e su quella variabile, per un impegno di 398.118 euro. La situazione finanziaria economica dell’Ente ci permette quest’importante riduzione». Traini ricorda che il -10% si aggiunge al -50% per le famiglie che usufruivano del bonus sociale. «La ratio, a monte della scelta – spiega l’assessore – nasce dal presupposto che tutte le categorie sono in difficoltà, semplifichiamo la vita a tutti». Il consigliere civico Monica Salvatore, presidente della commissione che ha discusso il punto all’ordine del giorno evidenzia che «tutti i cittadini potranno averne giovamento». 


L’opposizione 
Il capogruppo del Laboratorio Civico Alessandro Felicioni e il capogruppo di Fratelli d’Italia Giorgio Marcotulli avrebbero gradito una commissione fissata non il giorno prima del consiglio ma in anticipo, per permettere all’opposizione di formulare proposte e discuterle prima di prendere le decisioni. Felicioni fa altre puntualizzazioni: «Ad oggi la Tari non incassata è 4,5 milioni di euro - dice - ben vengano queste iniziative ma c’è un problema alla radice con un ammontare di non riscosso tanto alto. Da un punto di vista patrimoniale economico abbiamo un utile di 3,6 milioni, diviso per 26mila abitanti sarebbero 300/400 euro a testa. Risulta un aumento dei debiti, oltre 31 milioni, rischiamo di non avere gli strumenti per fronteggiare le situazioni che ci si presentano. Comunque il mio voto è favorevole». 


Dalla parte di chi non ce la fa
La capogruppo del Pd Annalinda Pasquali rimarca che «le famiglie in difficoltà godono di altre agevolazioni che vanno a cumularsi alla riduzione del 10%» e il responsabile dell’Ufficio Tributi Francesco Foglia tranquillizza sui mancati incassi. Dice che il Covid ha inciso negativamente ma se ne sta venendo fuori. «Sicuramente la pandemia ha comportato una sospensione per 18 mesi delle attività di riscossione coattiva - spiega il funzionario comunale - c’è stato uno stop forzato nell’ultimo anno e mezzo che ha comportato fisiologicamente una riduzione dei tassi di riscossione ma, al netto di questo effetto, non riscontriamo dati in peggioramento, anzi. Rispetto alla situazione del passato l’attivazione di percorsi virtuosi, messi in atto con modifiche ai regolamenti, stanno dando i frutti sperati». Foglia dice che le entrate Tari 2020 sono quasi raddoppiate rispetto agli anni precedenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA