Covid, ventilazione meccanica nelle elementari di Porto Sant'Elpidio. Via ai lavori con i fondi della Regione

Stop al Covid, ventilazione meccanica alle scuole elementari. Via ai lavori con i fondi della Regione
Stop al Covid, ventilazione meccanica alle scuole elementari. Via ai lavori con i fondi della Regione
di Sonia Amaolo
3 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Ottobre 2022, 06:00

PORTO SANT’ELPIDIO - Più aria a scuola, il Comune mette a disposizione 128mila euro per la ventilazione meccanica controllata, installa gli impianti in 17 aule della scuola elementare Pennesi e in 15 aule della scuola elementare Rodari. Ma ci sono novità anche per l’adeguamento sismico della scuola Martiri a San Filippo, dei lavori per l’adeguamento sismico si occuperà un consorzio di Roma.

 
La data
Riguardo alla ventilazione bisogna risalire al 15 febbraio dell’anno scorso, quando la Regione Marche ha avviato un progetto che consisteva nella concessione di un contributo straordinario a fondo perduto a Comuni e Province. Un sostegno per installare dispositivi per la ventilazione per le aule delle scuole. Ciascun ente poteva chiedere quattromila euro moltiplicato per il numero delle aule per massimo due scuole. Porto Sant’Elpidio ha presentato la candidatura per un importo totale di 128mila euro. Della fornitura e posa in opera se ne occuperà la società New Line Snc di Porto Sant’Elidio, ditta specializzata nel settore. I ventilatori permetteranno il miglioramento della qualità dell’aria nelle aule. Entro 45 giorni saranno completati i lavori. «Un plauso all’Ufficio tecnico va dato – dice il capogruppo di Fratelli d’Italia Giorgio Marcotulli – il Comune ha saputo cogliere l’occasione per dotare scuole di ventilazione meccanica. Sappiamo che questi impianti garantiscono una riduzione del rischio del contagio Covid nell’80% dei casi. Un ringraziamento particolare va agli uffici comunali e alla Regione che è sensibile sul tema. Capace di iniziative concrete che auspichiamo utili non solo al contrasto emergenza virale ma siano utili anche per migliorare la qualità degli ambienti, la sanificazione». Alla scuola Martiri di via della Resistenza, invece, parte la messa in sicurezza e adeguamento sismico. Importo dei lavori 700mila euro per una spesa prevista in bilancio e finanziata dallo Stato. Ad aggiudicarsi i lavori è stato il consorzio Stabile Opera di Roma, azienda consorziata esecutrice dei lavori la Mgg di Ripatransone. Buone notizie anche per la nuova Collodi alla Corva dove si prevede la partenza dei lavori per il nuovo fabbricato entro l’anno in corso.


L’attesa
Queste sono le aspettative del sindaco Nazareno Franchellucci. Dice che «per l’avvio del cantiere dipende tutto dall’Ufficio della ricostruzione post-sisma, ci auguriamo di far partire i lavori entro l’anno». Il progetto era stato presentato alla cittadinanza due anni fa. Sono 900 mq di scuola, cinque aule per 25 alunni ciascuna, parcheggi e viabilità su più livelli, spazio verde interno e due ingressi separati, per il refettorio e la palestra nel seminterrato e per le aule e i servizi per gli alunni. Un’area è predisposta per un ampliamento in futuro. L’Ufficio alla Ricostruzione deve approvare un importo maggiorato rispetto alle iniziali previsioni, altrimenti non parte la gara d’appalto. Ci sono 412mila euro in più da mettere sul piatto rispetto alle previsioni dell’aprile 2020, costi passati dagli iniziali ,3 milioni a 1,7 milioni. Un aumento dovuto a una modifica strutturale rispetto allo studio di fattibilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA