Muri imbrattati in centro, due giovani writers incastrati dalle telecamere. Multa fino a mille euro

Domenica 25 Aprile 2021
Muri imbrattati in centro, due giovani writers incastrati dalle telecamere. Multa fino a mille euro

PORTO SANT'ELPIDIO -  Stanati gli imbrattatori di muri in centro, sono un ragazzo del Lazio e una ragazza di Civitanova. S’indaga sul giro di droga a Porto Sant’Elpidio e dintorni. A incastrare i due giovani sono state le telecamere.

 

L’indagine dei carabinieri ha portato a scoprire in breve gli autori delle scritte contro un tale di nome Koko e contro il Magreb. La soddisfazione del sindaco corre sui social: «in meno di 6 giorni i militari dell’Arma e la polizia locale hanno identificato e denunciato i ragazzi che hanno imbrattato via Battisti e altre zone» posta su Facebook Nazareno Franchellucci e ringrazia le forze dell’ordine «per la tempestività con la quale hanno identificato gli autori del fatto. Spetterà ai due ragazzi risarcire la spesa per i lavori straordinari di rimozione delle scritte». 
Nella notte tra sabato e domenica della scorsa settimana la coppia, con bomboletta spray e vernice nera, aveva scritto su muri e serrande nel salotto buono della città e alla stazione: “Koko infame” e “Magreb a fuoco”. Sulle invettive c’era pure una firma “Oze” e un numero “1312” da tradurre in “all cops are bastards”. Frasi contro la polizia e contro - questo trapela dalle indagini - uno spacciatore della zona. Il sindaco aveva promesso battaglia: «vergognatevi! - aveva scritto sette giorni fa - guarderemo ogni telecamera per capire chi è stato». Subito era partita l’opera di pulizia e a pagare le spese saranno i due venuti da fuori a impiastricciare. 
Le indagini non si fermano perché lo spray non sarebbe stato usato per lanciare messaggi inequivocabili. Lo spaccio ha nel centro una delle piazze principali. Oltre a pagare le spese di pulizia, i due, dovranno rispondere di imbrattamento di cose altrui e si profila una multa fino a mille euro o la reclusione fino a sei mesi. La rete non perdona, anzi, ci mette il carico: «Aggiungerei un verbale per violazione del coprifuoco» si legge online, e «cercheremo di capire come mai una civitanovese e un laziale stessero in giro a Porto Sant’Elpidio in piena notte, ma questa è un’altra storia». Identificato anche un fermano che dieci giorni fa, sempre di notte, aveva danneggiato una telecamera a Lido Tre Archi. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA