Rubano le merendine e scappano, a Porto Sant'Elpidio una coppia finisce nei guai per un furto da 25 euro

Rubano le merendine e scappano, coppia nei guai per un furto da 25 euro
Rubano le merendine e scappano, coppia nei guai per un furto da 25 euro
di Sonia Amaolo
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 25 Gennaio 2023, 04:05 - Ultimo aggiornamento: 13:21

PORTO SANT’ELPIDIO - Lei di Fermo, lui di Montegranaro, rubano dolciumi dagli scaffali del supermercato In’S (ex-Tuodì) che si trova di via Firenze a Porto Sant’Elpidio e scappano, inseguiti dal personale del negozio. Ma la fuga dura poco perché i carabinieri li rintracciano e li denunciano per rapina impropria in concorso. Impropria perché i due avevano usato violenza contro la commessa e l’addetto alla vigilanza non durante il furto ma subito dopo, mentre tentavano la fuga.

La ricostruzione

I due giovani non hanno superato l’antitaccheggio e alla cassa hanno strattonato e spintonato i due dipendenti che cercavano di fermarli, così si erano guadagnati in qualche modo l’uscita. Ma dopo pochi minuti sono stati fermati dai militari della stazione di Porto Sant’Elpidio che hanno potuto fare affidamento sulle telecamere dislocate nella zona, hanno capito dove i due due si erano diretti e li hanno raggiunti praticamente all’istante. Un furto di poca entità. I due avevano infatti rubato dolcetti per un totale di 25 euro, una burla che costerà cara ai due giovanotti. L’indagine lampo è stata possibile anche perché alla segnalazione arrivata in centrale, è scattata subito la pattuglia, che era in servizio proprio per controlli mirati di prevenzione e repressione di reati predatori.

La scelta

Che sia stato per divertimento, per beffa o per necessità, il ragazzo e la ragazza, ormai ribattezzati Bonnie e Clyde, dovranno rispondere delle loro azioni. Entrambi conosciuti alle forze dell’ordine, soprattutto lui, lei poco più che ventenne. I due erano entrati nel negozio e sostato a lungo nel reparto delle merendine: anziché usare il carrello per riporre la spesa, avevano messo tutto in tasca e cercato invano di passare la cassa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA