Distruggono i finestrini per rubare nelle auto: uno acciuffato dopo il folle inseguimento, l'altro riesce a fuggire

Venerdì 17 Settembre 2021
Distruggono i finestrini per rubare nelle auto: uno acciuffato dopo il folle inseguimento, la'ltro riesce a fuggire

PORTO SANT'ELPIDIO - Da Milano a Porto Sant’Elpidio pericoloso criminale arrestato giovedì a Porto Sant’Elpidio. Ora è caccia al complice che ha fatto perdere le tracce: i due erano stati sospresi a spaccare i finestrini delle auto per poi rubare all'inter no. L’uomo finito in manette è stato protagonista di un folle giovedì di paura in via Canada.

 

Albanese 40enne, aveva scatenato l’inferno alle 6.30. Esperto in furti e rapine, con residenza a Milano ma domiciliato a Porto Sant’Elpidio, dopo aver tentato di rubare nelle auto in sosta ha aggredito i poliziotti e ha sfondato i finestrini della squadra volante a calci. Nell’alba di ordinaria follia i residenti svegliati di soprassalto hanno seguito in diretta i tentati furti con scasso ai loro danni. In strada due uomini, con un grosso tubo in metallo, picchiavano contro le vetrate dei mezzi in sosta. Tra urla e delirio collettivo è arrivata la segnalazione al 113. Al sopraggiungere delle volanti i due balordi hanno tentato la fuga. Saliti nell’auto che avevano lasciato a poca distanza, hanno sgommato con le gomme anteriori sgonfie. Oramai quasi accerchiati, l’uomo sul lato passeggero si è scaraventato fuori dalla vettura ed è scomparso correndo verso i binari. Il conducente è stato bloccato da 4 agenti in via Olanda alle 7.30. Aveva imboccato la via in senso contrario ed era stato costretto alla resa. Gli agenti hanno recuperato nell'abitacolo del veicolo usato per la fuga il paletto di ferro usato per sfondare i finestrini, una bomboletta di spray urticante, la chiave di un’auto di lusso, un coltello di 5 cm, un borsello con documenti d’identità dell'albanese e un mazzo di chiavi. Tutto è stato sequestrato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA