Furti a raffica nelle aree camper e sotto gli ombrelloni: il ladruncolo ha le ore contate

Lunedì 3 Agosto 2020 di Nicola Baldi
Porto sant'Elpidio, furti a raffica nelle aree camper e sotto gli ombrelloni: il ladruncolo ha le ore contate

PORTO SANT'ELPIDIO - Stava per essere acciuffato il ladruncolo che sta imperversando lungo la costa fermana, da Porto Sant’ Elpidio a Lido di Fermo, tenendo d’occhio in particolare i turisti sotto l’ombrellone e chi soggiorna nelle aree camper. In particolare a Porto Sant’Elpidio la gazzella dei carabinieri del Nucleo radiomobile si è lanciata a sirene spiegate all’inseguimento del fuggiasco che era stato visto aggirarsi nell’area adibita a parcheggio per camper in via Faleria, il Frontemare Parking.

LEGGI ANCHE:
Ancona, lupi avvistati in pieno giorno sul Conero a due passi da Portonovo

L'afa non lascia tregua, raffica di malori: grave una donna soccorsa dall'eliambulanza

Ormai da settimane si aggira l’individuo che sarebbe finalmente stato identificato grazie alle numerose testimonianze; tra la spiaggia e i parcheggi si sono registrati infatti furti nelle auto in sosta, sotto gli ombrelloni, negli chalet e nelle abitazioni al piano terra, ma, almeno a quanto risulta, il ladruncolo avrebbe le ore contate.
 
Perché seppure l’altro giorno sia riuscito a sfuggire all’inseguimento, i militari dell’Arma hanno messo tutto a verbale, l’individuo sarebbe già stato identificato e nel giro di poco tempo potrebbe essere rintracciato e denunciato a piede libero.
Le azioni
A quanto risulta, secondo numerose testimonianze, il malvivente che in queste ultime settimane si è aggirato per il lungomare di Porto Sant’Elpidio rubando quel che trovava negli stabilimenti balneari, dai prosciutti ai vini pregiati, sarebbe sempre lo stesso e sarebbe stato individuato. Questo grazie alle segnalazioni al 112 e all’operatività dei carabinieri che arrivano in pochi minuti per rispondere alla chiamata. L’altro giorno all’ora di pranzo hanno acceso le sirene sulla Statale e su via Faleria davanti al campeggio, ma sul lungomare le hanno silenziate proprio per evitare che il ladro potesse sfuggire. Ma a quanto pare il malvivente deve aver annusato l’aria che tirava e si è dato alla fuga. Il custode dell’area parcheggio camping ci tiene a far sapere che la situazione è sotto controllo e che per i delinquenti non c’è trippa per gatti da quelle parti. L’area parking è frequentatissima e sono arrivati turisti anche da Bolzano. L’area è custodita e sicura, si cerca di prevenire scippi, furti, borseggi, raid di qualsiasi genere perché dagli chalet ai camper il passo è breve, basta attraversare la strada, non sarebbe un bel biglietto da visita per la cittadina rivierasca di ritrovarsi con i turisti derubati. 
La situazione
Tra l’altro, come rimarchiamo anche in altri servizi, malgrado i timori del post Covid la presenza di turisti, almeno italiani, appare massiccia. Conitnua a funzionare bene anche il collegamento con l’Umbria grazie alla superstrada Civitanova-Foligno che porta numerosi turisti sia nel Maceratese che nel Fermano.

Ultimo aggiornamento: 09:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA