Furti nelle abitazioni, si riaccende l'allarme. I ladri rubano gli oggetti d'oro e si portano via anche il vino

Lunedì 18 Ottobre 2021 di Nicola Baldi
Furti nelle abitazioni, si riaccende l'allarme. I ladri rubano gli oggetti d'oro e si portano via anche il vino

PORTO SANT’ELPIDIO - Torna a ondate l’allarme per i furti nelle case. L’emergenza si riaccende in questi ultimi giorni e riguarda, in particolare, la zona in collina sopra Porto Sant’Elpidio, fra contrada Pescolla, la parte più verso monte della Corva e l’area di Cretarola.

 

 
Gli accertamenti
Denunce di furti e tentati furti stanno arrivando in questi giorni sui tavoli di carabinieri e polizia che hanno racconto alcune testimonianze in merito a due tipi sospetti, con tanto di passamontagna calzato in testa, che sono stati visti aggirarsi nelle zone di campagna prendendo di mira le abitazioni isolate. Che qui, fra villette nuove e casolari risistemati e circondati da ampi giardini, non mancano. Fra le segnalazioni quella di un furto a Cretarola con i malviventi che hanno trovato l’oro custudito in casa e l’hanno portato via rubando anche la federa di un cuscino, evidentemente per nascondere il bottino; o quella di un altro colpo, stavolta in una casa alle spalle della Corva, verso la strada che porta verso contrada Pescolla, dove i malviventi hanno rotto la finestra che dà su una stanza posteriore, tra l’altro con un doppio vetro, e sono poi penetrati in casa rubando anche qui una collana d’oro che si trovava in un cassetto. Sono fuggiti portandosi via anche alcune bottiglie di vino. Gli inquirenti stanno raccogliendo anche altre segnalazioni: di solito i ladri scelgono una zona e prendono di mira numerose abitazioni prima di scomparire. I furti avvengono a cavallo dell’ora di cena o subito dopo.


La raccomandazione
Difficile per ora risalire agli autori anche se carabinieri e polizia hanno anche raccolto alcune tracce e oggetti utilizzati dai ladri per penetrare all’interno delle abitazioni. Le forze dell’ordine si raccomandano di denunciare i furti allegando anche la descrizione o le foto degli oggetti rubati anche perché, in caso di ritrovamento del bottino, sarebbe possibile tornarne in possesso.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA