Porto Sant'Elpidio, ripartono i lavori
di bonifica nell'area ex Fim

Ex Fim
Ex Fim
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Luglio 2016, 07:03

PORTO SANT'ELPIDIO - Approvata la variante al progetto di bonifica della Fim, ripartono i lavori. Sui costi il sindaco parla di 12 milioni di euro. Conclusa la Conferenza dei servizi di ieri mattina, Nazareno Franchellucci evidenzia «E’ stato un incontro decisivo, che ha approvato la variante al piano di bonifica della Fim. La proprietà, sulla base delle indicazioni odierne, riprenderà immediatamente i lavori».
Sarà riattivato il cantiere, preparata l'area. «A settembre ripartirà la bonifica - aggiunge il primo cittadino - da cronoprogramma i lavori non dovrebbero durare più di 14 mesi».

Tutto pronto prima di Natale 2017, dunque. Il nuovo progetto di bonifica prevede una "perimetrazione" più ampia, ossia una nuova determinazione dei limiti dell'area da trattare. Sarà compresa la parte demaniale antistante la vecchia fabbrica di concimi. «Se sarà necessario bonificare anche quest'area, lo stabiliranno i risultati delle analisi effettuate e sottoposte alla valutazione degli enti competenti - fa sapere il sindaco -. Restano fermi gli obiettivi ambientali della bonifica stabiliti in precedenza». I costi: «12 milioni di euro complessivi. 5 sono stati spesi per lavori effettuati e 7 saranno da spendere per lavori da realizzare», afferma Franchellucci -. «Da computo metrico risultano 13 milioni di euro» chiosa la proprietà. Si troverà l'accordo.

«Agli 8 milioni e 200 mila euro di partenza se ne aggiungono almeno 4. Da parte della proprietà «C'è la volontà di andare avanti - dice Francesco De Angelis della Ecoelpidiense -: la prima area da bonificare sarà quella a ridosso della strada che il Comune destinerà a parco cittadino».
«Finalmente una buona notizia» afferma in conclusione il segretario e capogruppo Pd in consiglio Aldo Acconcia. «Dopo un periodo difficile per la nostra comunità - aggiunge - arriva il via libera definitivo della Conferenza dei servizi al nuovo progetto di bonifica dell'area ex Fim».

© RIPRODUZIONE RISERVATA