Porto Sant'Elpidio, Fim ed Edison
Scontro sui crediti del Comune

Porto Sant'Elpidio, Fim ed Edison Scontro sui crediti del Comune
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Febbraio 2018, 07:55

PORTO SANT'ELPIDIO - Fim ed Edison due grandi società ma insolventi. Tiene banco la querelle sull’Imu dovuta al Comune da parte di queste due imprese. Se n’è discusso  in consiglio nel parlare dell’imposta sugli immobili che nei due casi ammonta a svariati milioni di euro. La Fim ha maturato un debito di circa un milione dal 2006. Con Edison c’è una battaglia ancora da giocare, ma il sindaco è ottimista.

Sulla Fim ricorda il contenzioso tra società e Comune e sottolinea: «La società pagherà quanto è dovuto, quando c’è una diaspora giudiziaria non può esserci pagamento – aggiunge Nazareno Franchellucci - ma è stato accertato che la società deve pagare. In prospettiva abbiamo intrapreso una strada che ci sta dando soddisfazione. Il nostro Comune è stato tra i primi in Italia ad adottare una linea che nel medio e lungo periodo ci assicurerà un grandissimo gettito».

La pensa diversamente il consigliere Enzo Farina di Forza Italia: «Alla Fim abbiamo concesso una dilazione di 72 rate per 377mila euro relative al periodo 2006/2009 – dice il forzista - dov’è la grande opportunità per il Comune? Quale altro privato ha avuto un’agevolazione del genere? C’è da riscuotere fino al 2017 per un milione di euro. Non vedo soluzioni a breve. Mi auguro che per riscuotere non passino decenni». All’attacco anche il candidato sindaco Alessandro Felicioni: «Prima della bonifica la Fim cominci a pagare l’Imu», afferma infatti l’esponente del Laboratorio Civico che rilancia la polemica sul caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA