Notte di fuoco nel Fermano: l'ombra del piromane sull'incendio di un'auto

Sabato 1 Agosto 2020 di Pierpaolo Pierleoni
Porto Sant'Elpidio, notte di fuoco nel Fermano: l'ombra del piromane sull'incendio di un'auto

PORTO SANT'ELPIDIO - E’ stata una notte di fuoco e non è un modo di dire, quella scorsa nel Fermano. Una serie di roghi e chiamate d’intervento hanno chiamato ad un super lavoro i vigili del fuoco di Fermo, in un caso coadiuvati da un equipaggio arrivato da Civitanova. La prima chiamata, intorno alle 21.30, è arrivata da Sant’Elpidio a Mare.

LEGGI ANCHE:
Michele, 35 anni, papà, si schianta in moto contro un camion e muore

Turista travolto da una frana in Grecia. La moglie: «Soccorsi in ritardo, pronta a denunciare»

Caso sospetto quello avvenuto invece nel cuore della notte al quartiere Marina Picena di Porto Sant’Elpidio. Una Lancia Y ha preso improvvisamente fuoco in via Sicilia, intorno alle 3.30 del mattino. Completamente divorata dalle fiamme la parte anteriore del veicolo, mentre il resto dell’abitacolo si è salvato grazie all’intervento dei vigili del fuoco. Sono in corso le indagini, a cura dei carabinieri della locale stazione. Ci sono elementi consistenti a far propendere per la tesi del dolo.
 
Gli equipaggi
Paura nel pieno centro abitato di Cascinare, in via Alighieri, per le fiamme divampate in una mansarda abitata da una famiglia di origini marocchine. I pompieri sono intervenuti con due equipaggi, sul posto anche carabinieri ed un’ambulanza, ma per fortuna non ci sono stati feriti. Si sono verificate le condizioni degli abitanti per le esalazioni del fumo inspirate, ma nessuno ha riportato serie conseguenze. Danni significativi, invece, all’abitazione, dato che il fuoco ha danneggiato le pareti ed il soffitto, tanto da richiedere un provvedimento di inagibilità dell’appartamento. I residenti si sono spostati provvisoriamente a casa di familiari, in attesa di poter fare ritorno in casa.
La segnalazione
Caso sospetto quello avvenuto invece nel cuore della notte al quartiere Marina Picena di Porto Sant’Elpidio. Una Lancia Y ha preso improvvisamente fuoco in via Sicilia, intorno alle 3.30 del mattino. Completamente divorata dalle fiamme la parte anteriore del veicolo, mentre il resto dell’abitacolo si è salvato grazie all’intervento dei vigili del fuoco. Sono in corso le indagini, a cura dei carabinieri della locale stazione. Ci sono elementi consistenti a far propendere per la tesi del dolo. Terzo e ultimo rogo della notte è avvenuto invece a Marina Palmense, nei pressi del centro medico Palmatea. Stavolta l’incendio si è sviluppato all’interno di un parcheggio sotterraneo in via Santa Maria a Mare. Sembra si sia trattato di un corto circuito partito da una Mini Cooper che si trovava parcheggiata in una rimessa seminterrata.
I veicoli
L’auto è stata divorata dal fuoco e praticamente distrutta, non sono stati coinvolti altri veicoli, ma le operazioni di spegnimento, all’interno di un locale chiuso, sono state piuttosto complesse e si sono raggiunte temperature elevatissime. Una densa nube di fumo si è dipanata a centinaia di metri di distanza, arrivando fino ai campeggi limitrofi ed alle abitazioni del quartiere. Prolungate, una volta placate le fiamme, le operazioni di verifica sui danni provocati dal rogo nel garage.

© RIPRODUZIONE RISERVATA