Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Chiede al poliziotto in borghese i soldi per mettere la benzina nello scooter rubato: ragazzo denunciato

Chiede al poliziotto in borghese i soldi per mettere la benzina nello scooter rubato: ragazzo denunciato
Chiede al poliziotto in borghese i soldi per mettere la benzina nello scooter rubato: ragazzo denunciato
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Novembre 2020, 04:20

PORTO SANT'ELPIDIO - Chiede i soldi per mettere la benzina nello scooter: ma li chiede ad un polizootto in broghe ed il mezzo è rubato, ragazzo denunciato per ricettazione.

Ieri sera il personale della questura, del reparto prevenzione crimine di Pescara e con la collaborazione dell’unità cinofila della Guardia di finanza ha svolto una serie di servizi straordinari di controllo del territorio nel Comune di Porto Sant’Elpidio.

Malgrado le poche presenze in giro, sono stati effettuati alcuni posti di controllo che hanno portato all’identificazione di 50 persone ed alla verifica di 40 veicoli, sia in transito sia in sosta, numeri che portano il totale dei controlli svolti dalla polizia di Stato nella sola giornata di ieri a 200 persone e 150 mezzi. Anche sotto il profilo della verifica del rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia, i poliziotti hanno controllato cinque esercizi pubblici (bar) e bevande per asporto, senza riscontrare irregolarità. Sulla Statale 16 sono state controllate sette ragazze dell’Europa dell’Est che si prostituivano. Alcune appena hanno visto le volanti, si sono allontanate dal luogo e sono entrate in uno stabile vicino. Una di queste, poi, nei pressi di un’area di servizio, è stata identificata e, a suo carico si è scoperto che aveva una notifica del provvedimento cosiddetto di divieto di “parcheggio abusivo” per motivi di decoro: è stata denunciata all’autorità giudiziaria. Nel corso dei controlli, a un agente della polizia in abiti civili si è avvicinata una coppia di ragazzi i quali gli hanno chiesto una piccola somma di denaro e una sigaretta. Alla richiesta sul motivo della necessità manifestata, hanno indicato uno scooter appoggiato nelle vicinanze, raccontando che era finita la benzina e che avevano bisogno di almeno 5 euro per poter tornare a casa e di una sigaretta per tranquillizzarsi. I due non si erano accorti che i loro interlocutore era un poliziotto che insospettitosi , ha effettuato il controllo del ciclomotore. Il mezzo era stato rubato secondo la denuncia presentata nel Maceratese lo scorso 28 ottobre. Uno dei due ragazzi, che ha ammesso di aver guidato lo scooter fino al termine del carburante, è stato denunciato per ricettazione. Il proprietario del ciclomotore è stato rintracciato e, arrivato sul posto, è tornato in possesso del mezzo sottrattogli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA