Carnevale, annullata la sfilata dei carri. Ma c'è uno spiraglio, parla l'assessore: «Qualcosa in piazza si potrà fare»

Sabato 29 Gennaio 2022 di Sonia Amaolo
Carnevale, annullata la sfilata dei carri. Ma c'è uno spiraglio, parla l'assessore: «Qualcosa in piazza si potrà fare»

PORTO SANT’ELPIDIO -  Difficile mettere d’accordo tutti in un periodo difficile come questo, se ne è accorta l’assessore Patrizia Canzonetta con delega al commercio, attività produttive e Lavoro che si trova a dover chiarire un concetto che, evidentemente, è stato mal interpretato da ristoratori e strutture ricettive nell’incontro di lunedì sera a Villa Murri. Tutti indignati nel rimarcare che, poiché in Comune non ci sono i soldi, non si sarebbero fatti né il Carnevale, né il Primo Maggio, né i grandi eventi estivi. 

 


La mancanza di programmazione ha allertato gli operatori, per i quali le feste sono una boccata di ossigeno in termini di accoglienza, ricettività. Ma, con tutte le incognite ancora legate all’emergenza pandemica e in carenza di risorse, Canzonetta rassicura tutti: «Partiamo dal presupposto che a Natale siamo stati tra i pochi, forse gli unici, a non annullare eventi perché li abbiamo studiati all’aperto e itineranti – dice – l’estate passata, San Crispino e il Natale non mi pare che siano andati male. E non è vero che non c’è intenzione di fare il Primo Maggio».

Consapevoli che, alla fine a decidere saranno le condizioni dettate dal virus, sia Canzonetta che l’assessore al Turismo Emanuela Ferracuti, anche lei all’incontro con i commercianti, ribadiscono anche che il Carnevale non è detto che non si faccia più. Non ci saranno i carri dei quartieri ma - Covid permettendo - qualcosa in piazza si potrebbe prevedere. Riguardo al Primo Maggio «la macchina organizzativa è già partita e, pandemia permettendo, si farà» taglia corto Canzonetta. I commercianti avevano capito male, avevano sentito che sono finiti i soldi ma anche questo chiarisce l’assessore. Spiega che non si possono distribuire risorse accantonate di eventi che non si sono svolti perché non c’è un tesoretto cui attingere. Le risorse per le due feste del lavoro annullate nel biennio 2020/21 sono belle che finite. Bisogna prevedere nuovi finanziamenti e a questo si sta lavorando. Resta aperta la questione di anticipare il cartellone degli eventi estivi ad aprile perché, secondo il presidente dei B&B del Fermano Davis Alesi, cominciare a promuovere gli eventi a giugno e luglio è troppo tardi. Le strutture ricettive devono avere il tempo di organizzarsi con la clientela. 


Devono fare promozione in anticipo. Anche in questo caso Canzonetta risponde: «Da quando mi sono insediata – dice – mi sono messa al lavoro per velocizzare l’apparato burocratico nell’intento di presentare il cartellone estivo in anticipo. Questo è un cambio di passo non indifferente, che richiede tempo». Infine l’assessore parla anche delle similitudini che i commercianti hanno portato avanti tra Porto Sant’Elpidio e altri Comuni limitrofi più grandi come territorio e numero di abitanti «non possiamo essere paragonati a centri molto più grandi - dice - noi stiamo facendo miracoli con le risorse umane ed economiche che abbiamo a disposizione. La collaborazione dell’amministrazione con il mondo del lavoro, le imprese ed il commercio sarà sempre garantita».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA