Dà accoglienza a un senzatetto, ma l'ospite sfonda la porta, lo aggredisce e lo manda all'ospedale

Venerdì 26 Giugno 2020 di Sonia Amaolo
Fermo, dà accoglienza a un senzatetto, ma l'ospite sfonda la porta, lo aggredisce e lo manda all'ospedale

FERMO - Un uomo aggredito a Porto Sant’Elpidio, la porta dell’appartamento che condivideva con l’aggressore sfondata, due uomini fermati a Lido Tre Archi e accompagnati in Questura per accertamenti. Sono due episodi avvenuti l’altra sera e scollegati tra loro, che danno la dimensione del clima che si respira di là e di qua del ponte, tra lungomare elpidiense e fermano.

LEGGI ANCHE:
Ancona, ubriaco rompe a calci la portiera dell'autobus: inseguito e acciuffato

Baby rapinatore solitario con coltello e mascherina: «Che paura, gli ho lanciato la sedia»

Scene di ordinaria follia in una manciata di vie a rischio, costantemente monitorate dalle forze dell’ordine. Ad aggredire chi lo ospitava a Porto Sant’Elpidio è stato un marocchino manesco senza fissa dimora, ospite in una casa di via Faleria, dove ieri all’ora di cena sono scattate le sirene del pronto soccorso e della polizia arrivate perché un uomo che era stato picchiato, il ferito è del Maceratese, è un terremotato che vive in affitto a Porto Sant’Elpidio. L’uomo è stato accompagnato all’ospedale Murri di Fermo, soccorso dal personale medico e volontari della Croce Verde arrivati con l’automedica 118 e ambulanza.
 
Per le indagini del caso è arrivata la Squadra volante del 113 ma l’aggressore è riuscito a svignarsela e nascondersi, non è stato trovato.
La serata
Poche ore dopo, intorno alle 10 di sera, le sirene spiegate si sono sentite a Lido Tre Archi per un inseguimento da film della polizia a un’utilitaria in fuga, con a bordo due uomini. L’auto inseguita era lanciata all’impazzata, ha imboccato vicoli contromano finché è stata abbandonata e chi era a bordo è scappato a piedi. Non è dato sapere se i due fermati e portati in Questura poco dopo siano quelli a bordo della vettura. Novità intanto si hanno del rottweiler rapito nel canile di Capodarco, l’animale era stato confiscato alla banda che occupava abusivamente un monolocale in via Tobagi a Tre Archi. Nello sgombero del 12 giugno 2 cani molossi erano stati confiscati e affidati al servizio veterinario, quindi erano finiti nel canile.
Il caso
La proprietaria del rottweiler, una ragazza, pochi giorni fa è andata a riprendersi il suo. In 4 hanno portato a termine l’operazione. La ragazza, due marocchini e un napoletano, sono arrivati in Mini Cooper, alle 16.50 hanno preso il cane e se ne sono andati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA