Porto Sant'Elpidio, firme sulla piazza
Duemila persone vogliono vederci chiaro

I promotori dell'iniziativa "In piazza la chiarezza"
I promotori dell'iniziativa "In piazza la chiarezza"
2 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Ottobre 2015, 22:01 - Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre, 09:35

PORTO SANT'ELPIDIO - Duemila firme raccolte dall'opposizione per portare in piazza la chiarezza.

"Tante quante sono state le preferenze date al Pd dagli elpidiensi alle regionali" chiosa Andrea Balestrieri di Fratelli d'Italia. Obiettivo della raccolta, che da luglio ad oggi si è sviluppata attraverso quattro incontri, è coinvolgere la cittadinanza nelle scelte di governo sulla riqualificazione di piazza Garibaldi.

L'opposizione ha protocollato sabato la mozione da discutere in consiglio lunedì 12 ottobre. Duemila firme non sono da trascurare. Si tratta di cittadini che con l'opposizione condividono le stesse idee: esproprio del cineteatro, blocco alla strada tra ferrovia e Gigli, nuovo sottopasso di via Piave. Ma le firme indicano anche la volontà dei cittadini di essere coinvolti nelle scelte di governo. L'opposizione chiede all'amministrazione di posticipare l'assemblea di giovedì 8 ottobre e di affrontare prima l'argomento in consiglio.

Diversamente verrebbe meno la concertazione con i cittadini tanto ventilata dal sindaco e vorrebbe dire che a decidere su piazza Garibaldi è stato solo il Pd. Questo il succo della conferenza stampa organizzata ieri dall'opposizione. Erano presenti Andrea Balestrieri e Giorgio Marcotulli FdI, Enzo Farina Forza Italia, Giorgio Famiglini L'Alternativa, Antonesio Diomedi Gruppo Autonomo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA