L'Ecoelpidiense: "Macché Parentopoli"
La bonifica entro settembre 2015

L'Ecoelpidiense: "Macché Parentopoli" La bonifica entro settembre 2015
1 Minuto di Lettura
Sabato 13 Settembre 2014, 21:29 - Ultimo aggiornamento: 14 Settembre, 10:09

PORTO SANT'ELPIDIO - ​“Ma quale Parentopoli. Della Fim abbiamo solo il 20% e, terminata la bonifica, siamo pronti a vendere le quote". La battaglia del consigliere provinciale Saturnino Di Ruscio un risultato l’ha ottenuto: far uscire alla scoperto i vertici dell’Ecoelpidiense per mettere sotto la lente l’infinita storia dell’ex fabbrica di concimi. A rompere gli indugi il presidente Gianni Nicolai e l’amministratore delegato Mauro De Angelis. “La polemica di Di Ruscio - sottolinea De Angelis - è strumentale. Il ruolo dell’Ecoelpidiense è marginale e non siamo interessati alle volumetrie. Siamo entrati solo per la bonifica e lo abbiamo fatto quando il Comune era socio dell’Ecoelpidiense al 43% e non si riusciva a risolvere il problema. C’era stato Palazzetti, c’erano 250 mila metri cubi di edificato, ma tutto era fermo. Ne sono stati abbattuti 200 mila. Ora manca solo una parte della bonifica: se saltasse tutto e i privati si tirassero indietro, rimarrebbe tutto così per altri cent’anni”. Per quanto riguarda la bonifica, una volta ottenuto l'ok dalla Conferenza dei servizi, si spera di chiuedere entro settembre 2015.

Leggi Corriere Adriatico per una settimana gratis - Clicca qui per la PROMO

© RIPRODUZIONE RISERVATA