Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Operazione monitoraggio della periferia
La polizia municipale fa le ronde a piedi

Operazione monitoraggio della periferia La polizia municipale fa le ronde a piedi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Febbraio 2015, 12:13 - Ultimo aggiornamento: 12:42
PORTO SAN GIORGIO - Proprio dopo uno dei weekend più neri per via dei vandali e ladri in centro arriva un piano della polizia municipale. Il Comune s'appresta a riproporre anche nel 2015 i servizi appiedati “di periferia” nell'intenzione di realizzare quella che è stata definita “polizia di prossimità”. Le zone della città che torneranno ad essere monitorate dagli agenti della Polizia municipale sono quattro: rione Santa Vittoria, Pian della Noce, Borgo Rosselli (sud) e piazza Torino (nord).

Il metodo di intervento, illustrato nella specifica relazione del Comando, si attua attraverso la vicinanza alle esigenze della cittadinanza. “L'attività del 'poliziotto di prossimità' non si limiterà solo a prevenire e reprimere fatti penalmente rilevanti – entra nel merito il comandante Giovanni Paris – ma si sviluppa sino a comprendere manifestazioni di diverso genere che incidono sulla tranquillità sociale e sulla percezione stessa della sicurezza, realizzando un'efficace opera di prevenzione penale o dei fenomeni devianti. Lo scopo è quello di un controllo più efficace del territorio, favorendo la crescita del contatto polizia-istituzione con il cittadino al fine di incrementare e rafforzare le iniziative rivolte a tutela della collettività. L'intervento ha altresì l'obiettivo di contrastare comportamenti di disordine urbano, dall'abusivismo al danneggiamento dei beni (il fenomeno dei writer, ndr)”. L'ultimo report indica 207 servizi, sostanzialmente divisi nelle quattro zone. Alla raccolta delle segnalazioni dei cittadini si sono aggiunte quelle degli agenti. In passato è stato previsto un numero settimanale di due servizi appiedati in almeno due zone. I controlli s'apprestano ad essere riproposti a partire dal prossimo mese di aprile, quando l'organigramma della Polizia municipale sarà incrementato da vigili assunti a tempo determinato.

“L'Amministrazione ha voluto riproporre il servizio per incrementare il progetto di 'sicurezza partecipata' – aggiunge l'assessore alla Sicurezza Valerio Vesprini - . Contro l'escalation di eventi criminosi, questo è un un segnale concreto che va ad aggiungersi alle assunzioni e al potenziamento della videosorveglianza”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA