Porto San Giorgio, per viale dei Pini
odissea senza fine. Nuovo stop

Porto San Giorgio, per viale dei Pini odissea senza fine. Nuovo stop
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Giugno 2018, 07:50

PORTO SAN GIORGIO - Niente titoli di coda, almeno per il momento, per il cantiere di viale dei Pini. Dopo il termine perentorio del primo giugno, data ultima per provvedere al completamento dei lavori, assegnato lo scorso 22 maggio 2018, e visto l’inadempimento della ditta esecutrice, è arrivata, nel pomeriggio di ieri, la risoluzione contrattuale da parte del comune, per grave inadempimento. 

La suddetta rescissione del contratto arriva dopo che, ieri mattina, i tecnici comunali e due vigili urbani, in qualità di pubblici ufficiali, hanno effettuato un sopralluogo al cantiere, trovato incustodito. Non solo perché l’accesso sud dello stesso cantiere è stato trovato liberamente accessibile a tutti. In più i lavori non sono stati ultimati, come è sotto l’occhio di chiunque passi nei pressi dello stesso cantiere, e all’interno della recinzione non sono presenti attrezzature da lavoro né materiali necessari a completare l’opera. Il che vuol dire l’asfaltatura della strada e della rotatoria all’estremità nord dell’area interessata dai lavori. «Nelle proprietà adiacenti – si legge nel verbale di sopralluogo – sono presenti materiali di risulta abbandonati e il cantiere non presenta il cartello dei lavori». Dopo il lungo stop a cavallo tra il 2017 e il 2018, la ditta ed il comune avevano sottoscritto un accordo bonario, a seguito del quale i lavori erano ripresi, poi fermati per problemi tecnici dovuti al maltempo, con nuovo termine previsto per il 21 maggio. Disatteso, è stato dato l’ultimatum fino al primo giugno, data in cui è stata pure convocata la ditta per il sopralluogo di ieri mattina, ma la ditta, a quanto si apprende, non si è presentata. 

Ora i prossimi passaggi prevedono la valutazione delle opere fin qui realizzate, quella dei residui ancora da fare, e gli importi dovuti all’appaltatore per quanto fatto. Da questi ultimi saranno detratti gli acconti, le anticipazioni, i danni subiti dall’Ente e il maggior importo che conseguirà dal nuovo affidamento dei lavori. Una volta completata la contabilità di cantiere, se l’amministrazione risulterà creditrice, provvederà a incassare la cauzione definitiva.
Una storia senza fine quella del cantiere di viale dei Pini, iniziata nel 2016 con l’approvazione del progetto, proseguita con la gara e l’assegnazione nei primi mesi del 2017 (a febbraio), andata avanti con l’inizio dei lavori e un primo stop dovuto ad una variante tecnica. Il resto è storia recente fino al nuovo ed ultimo termine, come detto, del primo giugno, non rispettato. I tempi dunque per veder finita un’opera, che necessita ancori di pochi lavori, si allungano e diventano, al momento, incerti

© RIPRODUZIONE RISERVATA