Porto San Giorgio, viaggiava in auto
con 100 chili di vongole nascoste

Giovedì 28 Gennaio 2016
Guardia costiera all'opera

PORTO SAN GIORGIO - Scoperto con 100 chili di vongole nel bagagliaio dell'auto: hai voglia a raccontare che avevi gente a cena. Continua l’attività di controllo della filiera ittica  da parte della Guardia Costiera di Porto San Giorgio. Nella  mattinata odierna, nel corso di una  normale attività di controllo ai veicoli in  transito all’interno del porto di Porto San Giorgio, i militari del locale Comando della Guardia Costiera di Porto hanno  rinvenuto circa 100 kg di vongole della specie  venus gallina all’interno del bagagliaio di un’automobile.

I  molluschi  erano  trasportati  in  ambiente  non  idoneo  alla    conservazione del  prodotto ittico. Al  conducente  dell’automobile  è  stata  inflitta  una sanzione  amministrativa  pari  a euro  1.000  per  aver  trasportato  dei prodotti di  origine  animale  all’interno  del bagagliaio  di  un  mezzo  non  dichiarato  idoneo  al  trasporto  di  alimenti  dal  competente organo sanitario, né coibentato. L’accertamento  di  tale  violazione  ha  anche  comportato  il  pronto  sequestro amministrativo dei circa 100 kg. di molluschi. 

La normativa comunitaria in materia di commercializzazione di molluschi,  quali le vongole,  stabilisce  che  le  stesse  possano  essere  destinate  al  consumo umano  previo passaggio  da  un  centro  di  spedizione  che  ne  cura  anche,  in  caso  di  necessità,  la depurazione. Sempre  a  livello  comunitario  è  stabilito  che  il  trasporto  di  alimenti  di  origine animale  debba  avvenire  in  mezzi  dichiarati  idonei  dalle  competenti  autorità  sanitarie, opportunamente coibentati al fine di assicurare una temperatura che garantisca la vitalità 
del  mollusco  ed  in  contenitori  che  forniscano  protezione  contro  la contaminazione esterna.  L’attività di  controllo alla filiera della pesca e la tutela della salute pubblica che ne  consegue rappresenta uno dei fondamentali compiti istituzionali della Guardia Costiera

© RIPRODUZIONE RISERVATA