Al volante del Suv rubato, giovane recidivo nei guai. Bloccato dai carabinieri sulla strada Mezzina

Venerdì 14 Maggio 2021 di Serena Murri
Al volante del Suv rubato, giovane recidivo nei guai. Bloccato dai carabinieri sulla strada Mezzina

PORTO SAN GIORGIO - Bloccato il ladro di un Suv. Si tratta del secondo furto d’auto in pochi giorni messo a segno dalla stessa persona. Anche in questo caso un intervento lampo da parte dei carabinieri di Fermo, i quali sono riusciti a bloccare il malvivente.

Scintille per l'acquisto di un telefonino, poliziotti aggrediti a Lido Tre Archi. Giovane ubriaco arrestato

Auto contromano sulla superstrada, chilometri di terrore e schianto da brividi. Traffico bloccato

 

Le forze dell’ordine sono riuscite a intercettare il mezzo rubato a bordo del quale c’era il giovane straniero che era alla guida dell’auto. Si tratta di un extracomunitario noto per i reati di ricettazione.


La dinamica
I carabinieri, subito dopo il furto, sono riusciti a rintracciare l’auto che era stata rubata e sulla quale viaggiava il giovane. Il furto è avvenuto nella mattina di mercoledì scorso a Porto San Giorgio. Erano circa le 10 quando la giovane donna proprietaria dell’auto, aveva parcheggiato la sua BMW X3 e si era allontanata lasciando sbadatamente le chiavi inserite nel cruscotto. Il ladro, che si trovava appostato in zona, si è precipitato sull’auto e, trovandola aperta, ha acceso il motore e si è subito dileguato nel traffico. La vittima del furto, non appena si è accorta che la sua vettura non era più dove l’aveva lasciata, ha dato l’allarme allertando il 112.


Gli accertamenti
Così la centrale operativa ha potuto attuare il più tempestivamente possibile il piano di ricerca. E i carabinieri della stazione di Fermo, coordinati dal luogotenente Andrea Giannesi, in poco tempo hanno potuto intercettare la BMW X3 che nel frattempo stava già circolando lungo la provinciale della Mezzina. Giusto pochi giorni prima gli stessi carabinieri erano intervenuti per il recupero di un’altra vettura che era stata anch’essa rubata, stavolta a Fermo, occasione durante la quale erano riusciti a fermare il fuggiasco con una manovra che si potrebbe definire da manuale, bloccando l’auto in fuga grazie a un militare che era in borghese perché fuori servizio. Dall’identificazione del soggetto, un marocchino di 34 anni, è emerso che si trattava proprio dello stesso soggetto già fermato dai militari pochi giorni prima, a bordo dell’utilitaria sottratta a Fermo. Il giovane è stato subito sottoposto a perquisizione e trovato in possesso anche di tre cellulari sprovvisti di Sim, probabilmente oggetto di altri furti sui quali si stanno facendo ulteriori accertamenti per accertarne la provenienza.


La droga
Il trentaquattrenne, in evidente stato di alterazione per l’uso di droghe, è stato multato anche per essersi rifiutato di sottoporsi agli accertamenti; per questo gli è stata immediatamente ritirata la patente che successivamente è stata sospesa con uno specifico provvedimento dal prefetto di Fermo. Il marocchino è stato anche deferito alla Procura della Repubblica di Fermo per il reato di ricettazione di auto rubata e per il rifiuto di accertamento sulle sue condizioni psicofisiche mentre era alla guida. Anche stavolta cade nella rete dei controlli l’autore di un reato che ne aveva commesso un altro analogo solo pochi giorni prima.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA