Piazza Mentana, siamo al conto alla rovescia: martedì sarà il giorno della verità

Sabato 23 Gennaio 2021 di Serena Murri
Piazza Mentana, conto alla rovescia: martedì sarà il giorno della verità

PORTO SAN GIORGIO  - Piazza Mentana attende il via libera della Sovrintendenza. Il progetto c’è ed è ormai definito. Manca l’ok da parte della Sovrintendenza alle Belle Arti che se tutto andrà per il verso giusto, dovrebbe arrivare martedì. È stato infatti fissato il sopralluogo dell’ente dorico che arriverà in città per visionare la piazza e nello specifico il monumento ai caduti e il mantenimento della sua storicità. 

 

La visita da parte della Sovrintendenza, sarà utile a far sì che la funzionaria si renda conto dello stato attuale della piazza, dell’intervento che s’intende andare a fare e del fatto che la piazza non verrà di certo stravolta. «La fase progettuale c’è - ha spiegato l’assessore all’urbanistica Di Virgilio - ma sappiamo di dover tener conto delle prescrizioni della Sovrintendenza. Siamo abbastanza ottimisti dato che il progetto in sé non va assolutamente a snaturare la piazza e la sua identità originaria. A noi è chiaro che dovremo tenere conto delle prescrizioni che la Sovrintendenza detterà, a livello ufficiale».


Il progetto, per il quale è stato approvato un finanziamento di 500 mila euro, ha alla sua base l’abbattimento delle barriere architettoniche, dato che allo stato attuale, la piazza non è percorribile da carrozzine in quanto coperta di ghiaia. Secondariamente, la riqualificazione punta a donare alla città un’area da vivere, dove potere sostare, socializzare e al contempo collegata al centro e al lungomare. Piazza Mentana, è infatti la piazza retrostante al centro città e alla stazione, per questo negli intenti dell’amministrazione dovrebbe diventare un unicum come collegamento anche con il vicino lungomare, a est della piazza, tramite la via Nazario Sauro.


L’argomento, nelle ultime settimane, ha più volte acceso la discussione in città anche in merito ai dettagli del progetto. I primi ad indignarsi sono stati gli esponenti del Comitato per la salvaguardia di viale Cavallotti e del verde che hanno commentato il progetto, dicendo che va a snaturare la piazza. In seguito, è arrivato anche il presidente del Consiglio, Giuseppe Catalini a fornire ulteriori suggerimenti sull’intervento, sostenendo che il brecciolino - in quanto inutile - andasse rimosso del tutto, mentre il progetto in sé della piazza andasse anche ampliato ed esteso per rendere pedonale un’area ancora più ampia.
In seguito all’approvazione in Giunta, una volta avuta l’approvazione da parte della Sovrintendenza, l’amministrazione passerà alla realizzazione. Un altro aspetto rilevante che riguarderà la piazza, sarà quello inerente al restyling dell’illuminazione. Il sistema è stato più volte rivisto nel corso degli anni e sarà rivisto in chiave moderna, ispirandosi agli ultimi pali della luce degli anni ‘60. 


Il progetto prevede inoltre l’eliminazione delle aiuole perimetrali, mentre resteranno quelle interne. Nella piazza, verranno realizzati dei camminamenti laterali in pietra Trani Apricena al fine della percorribilità da parte di tutti sui 4 i lati della piazza e relativi accessi. Verrà messo in atto un lieve abbassamento della sede stradale e verranno così demoliti i cordoli perimetrali in calcestruzzo. Il monumento ai caduti, realizzato in travertino, verrà completamente ripulito e riqualificato da una ditta specializzata. In fine, verranno rifatti anche i marciapiedi su via XX Settembre, nel tratto di congiungimento con l’attraversamento pedonale che conduce al sottopasso della stazione. Stessa cosa verrà fatta a est, verso mare, per l’attraversamento con via Nazario Sauro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA