Movida molesta e ragazzini ubriachi: vietata la vendita di alcolici ai minori anche nei supermercati

Porto San Giorgio, movida molesta e ragazzini ubriachi: vietata la vendita di alcolici ai minori anche nei supermercati
Porto San Giorgio, movida molesta e ragazzini ubriachi: vietata la vendita di alcolici ai minori anche nei supermercati
di Serena Murri
4 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Luglio 2020, 03:35

PORTO SAN GIORGIO - Nuova ordinanza per contrastare il consumo di alcol fra i giovani. Il provvedimento mira a fare da deterrente ad un fenomeno in crescita che negli intenti dell’amministrazione si vorrebbe frenare regolando la cessione dell’alcol ai minorenni, anche nei supermercati. Con l’ordinanza del sindaco, entrata in vigore il 22 luglio e anticipata da una lettera aperta ai titolari dei supermercati, si intende fare un ulteriore giro di vite, per cercare di contenere un fenomeno che sta diventando sempre più preoccupante.

LEGGI ANCHE:
Si punta la pistola alla testa e si spara in piena notte: muore poco dopo in ospedale

Colpito da un malore nel suo ufficio: vani i soccorsi, muore a 57 anni


Controlli rinforzati, dunque dato che il fenomeno si presenta in crescita e sempre più giovani riescono ad aggirare l’ostacolo della vendita degli alcolici nei bar, recandosi nei supermercati ad acquistare fusti di vino e super alcolici, puntualmente ritrovati sulle spiagge. A questo aspetto di un fenomeno in crescita fra i giovani, si aggiungono le serate brave che degenerano in atti di vandalismo e danni alle strutture balneari presenti sul litorale. Spesso i ragazzi, una volta ubriachi, perdono il controllo e in alcuni casi la serata finisce in rissa e devastazione delle strutture balneari. 
 
Le multe

L’ordinanza punta alla tutela della salute dei minori e vieta la vendita, la somministrazione, la cessione e l’acquisto a qualunque titolo anche gratuito, di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione ai minori. L’ordinanza parte dalla necessità d’intervenire in via preventiva e repressiva, dato che con l’approssimarsi della stagione estiva sono statisticamente più frequenti le occasioni di consumo di bevande alcoliche. La violazione verrà punita con sanzioni fino a 300 euro. «La stessa ordinanza l’abbiamo fatta anche l’anno scorso - ha ricordato il sindaco Nicola Loira - e va a colmare quel vuoto che punisce anche i maggiorenni che spesso si prestano all’acquisto degli alcolici per conto dei minorenni. Poi ovviamente, da quello che ci dicono in alcuni casi si tratta anche di giovani provenienti da fuori territorio. Noi cerchiamo di mettere in atto tutte le soluzioni possibili per cercare d’intervenire su questo fenomeno. La cosa che ci preoccupa di più è l’impatto che l’alcol ha sulla vita di questi ragazzi. Il consumo di alcolici nuoce alla salute ed il consumo porta quasi sempre a delle conseguenze, come ci viene testimoniato dall’associazione Croce azzurra di Porto San Giorgio che spesso è chiamata ad intervenire in caso di malori. Noi pensiamo prima di tutto alla salute di questi ragazzi, che a volte non sono ancora in grado di capire la portata dei loro comportamenti né le conseguenze cui possono andare incontro. La sensibilità su questo tema non manca, soprattutto da parte degli adulti e degli esercenti. Puntiamo su di loro. Qualcuno già sta mettendo in pratica l’ordinanza, qualcuno è molto attento e chiede i documenti d’identità, rifiutandosi di servire alcolici ai minori. C’è chi lo fa meglio, chi peggio». 
Più vigilanza
Parallelamente al fenomeno dell’alcol fra i giovani, c’è il fenomeno del vandalismo in spiaggia, per questo gli esercenti avevano iniziato a dialogare sull’ipotesi di un servizio di vigilanza privata per la tutela di tutti gli chalet - quelli che ancora non ce l’hanno - che funga anche solo da presenza costante ma che serva a fare da deterrente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA