Piazza Gaslini in mano ai vandali, la rabbia di mamme e anziani a Porto San Giorgio: «Stop al degrado»

Piazza Gaslini in mano ai vandali, la rabbia di mamme e anziani a Porto San Giorgio: «Stop al degrado»
Piazza Gaslini in mano ai vandali, la rabbia di mamme e anziani a Porto San Giorgio: «Stop al degrado»
di Serena Murri
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 07:05 - Ultimo aggiornamento: 12:57

PORTO SAN GIORGIO - Mamme arrabbiate a piazza Gaslini. Quello che si presenta come un parco gradevole, a due passi dal centro, in realtà è diventato più volte protagonista delle cronache perché preso di mira dalle serate - o dai pomeriggi - brave di adolescenti e non solo che non rispettano l’ambiente. Alcune mamme si sono lamentate: «È diventata una cosa vergognosa». Al coro si aggiungono anche alcuni pensionati, residenti in zona, che vorrebbero frequentare il parco in tranquillità e invece si vedono spesso privati delle panchine perché c’è chi ci dorme sopra. Sono spesso testimoni di pomeriggi alcolici da parte di bande di adolescenti.

 
La zona


Di questa piazza si parla poco. Viene regolarmente inserita nei programmi elettorali ma poi dimenticata. Attualmente, l’amministrazione sta procedendo alla riqualificazione di una vicina area parcheggi e delle vie limitrofe. Quanto al problema della sicurezza, noto a tutti, pare che l’amministrazione stia prendendo in considerazione l’installazione di telecamere e per questo sono stati effettuati dei sopralluoghi in questi giorni. «Domenica pomeriggio, mentre i bambini giocavano - segnala una mamma - intorno alle panchine, per terra, c’era di tutto. Soprattutto bottiglie di alcol e birra. I cestini dell’immondizia straripavano di bottiglie. Anche a terra ci sono vetri di bottiglie e nessuno si cura del fatto che essendo un parco giochi possono essere pericolosi per i bambini. Noi mamme abbiamo paura che si facciano male».

Nel frattempo, i cestini dell’immondizia sono stati svuotati ma la preoccupazione delle mamme resta: «È pericoloso in quanto le radici dei pini escono dal terreno ed è facile inciampare e cadere. Uno dei giochi che è stato rotto, ancora una volta, è lì fuori uso e con una transenna, ma nessuno è intervenuto a cambiarlo. Era stato sostituito e dopo una settimana era già rotto di nuovo perché viene usato dai grandi. Mesi fa, per far salire mia figlia sulla carrucola, ho dovuto chiamare i vigili perché c’erano 15 ragazzi grandi che impedivano di usarla ai bambini. Alla fine i vigili li hanno fatto sgomberare ed erano solo le 4 di pomeriggio. I giochi di legno sono spesso interdetti, perché lì stazionano i più grandi a bere e fumare. Tra l’altro, è l’unico giardino in pieno centro, ridotto in condizioni pietose. I ragazzi lasciano sacchetti di patatine e bottiglie ovunque». Soprattutto i genitori che nel parco portano i loro figli a giocare, vorrebbero che lo spazio fosse più tutelato. Complice la vicinanza con il centro e la stazione, il parco giochi, diventa sovente un punto di riferimento per giovani che non sapendo dove andare, passano lì pomeriggi e sere.

 


Spesso sono loro o persone anche più adulte a utilizzare i giochi destinai ai bambini e quindi anche a romperli. «Noi anziani - chiosa una donna - veniamo qui per fare due chiacchiere e sederci sulle panchine, ma spesso ci troviamo chi le occupa per dormirci. Quest’estate erano in molti a dormirci durante la notte. Non si capisce perché questo debba essere un parco giochi di serie B. E noi anziani, se camminiamo dentro al parco giochi rischiamo d’inciampare nelle radici degli alberi».

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA