Lavori per oltre 100mila euro in 4 parcheggi: ecco le zone nevralgiche della città interessate

Lavori per oltre 100mila euro in 4 parcheggi: ecco le zone nevralgiche della città interessate
Lavori per oltre 100mila euro in 4 parcheggi: ecco le zone nevralgiche della città interessate
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Marzo 2022, 08:40

PORTO SAN GIORGIO -  Lavori pubblici in arrivo in quattro parcheggi cittadini per un investimento complessivo previsto dal Comune di 105.790 euro. La Giunta ha infatti recentemente approvato una serie di interventi di riqualificazione degli standard urbanistici nelle zone interessate. Si prevede di realizzare opere di manutenzione riguardanti tratti di pavimentazione stradale malmessa.

 


La decisione, come fanno sapere dal Comune, ha tenuto conto delle valutazioni dei tecnici al termine di sopralluoghi e rilievi: saranno interessati in particolare i parcheggi di viale dei Pini, via Montebello, via Annibal Caro e piazza Gaslini, i parcheggi di via Veneto e di viale Cavallotti. Gli spazi sono ritenuti importanti perché “di servizio” alla collettività e collocati a stretta vicinanza con esercizi commerciali e punti di frequentazione da parte del cittadini.

E’ previsto il rifacimento del tappetino di usura e la scarifica della pavimentazione esistente. Verranno inoltre ricostruite, dopo le necessarie demolizioni, intere porzioni di cunette stradali poiché quelle presenti sono risultate fortemente disconnesse a causa dell’azione delle radici delle piante. Infine è previsto, in tutte le vie interessate dai lavori programmati dall’amministrazione comunale, anche il rifacimento della segnaletica stradale orizzontale. Meteo permettendo, le opere saranno completate entro un mese dalla consegna dei lavori alle ditte incaricate.


«Riteniamo di rilievo questo nuovo intervento per la sicurezza dei cittadini – spiega il sindaco Nicola Loira facendo il punto sui prossimi lavori per le strade- . Le zone sono anche ad alta concentrazione residenziale ed i parcheggi sono anche utilizzati dai fruitori delle attività presenti nelle rispettive aree».

© RIPRODUZIONE RISERVATA