Porto San Giorgio, ladro sulle scale:
nonno aggredito, nipotine sotto choc

Porto San Giorgio, ladro sulle scale: nonno aggredito, nipotine sotto choc
di Luciano Sgambetterra
2 Minuti di Lettura
Martedì 11 Dicembre 2018, 10:18

PORTO SAN GIORGIO - Due bambine terrorizzate, gli anziani nonni impalliditi, i genitori traumatizzati. Un altro furto in casa in ia Nibbi, nel quartiere Pian della Noce, lo stesso che appena 48 ore fa è stato tetro di altri due furti in abitazione. In casa questa volta c’erano i nonni, il papà e le sue due bambine, tutti stavano dormendo. I ladri sono entrati in casa da una finestra sul retro. Una volta dentro hanno passato al setaccio tutto i primo piano dell’abitazione e pur sapendo che al piano di sopra i proprietari stavano dormendo stavano cercado di salire le sale per visistare anche le altre stanze. Il nono però ha sentito dei rumori e si è alzato per vedere cosa fosse. All’improvviso si è trovato davanti un ladro .
 
«Ho iniziato a gridare - dice l’anziano - per cercare di spaventarlo. Lui mi ha dato una spinta e si è lanciato sulle scale fuggendo». L’uomo verso le 4.30 ha sentito una porta cigolare e ha notato un’ombra. Ha voluto vedere cosa fosse ed è uscito dalla sua stanza da letto.
  
«Me lo sono trovato davanti. E l’istinto mi ha portato a gridare a squarciagola nel tentativo di intimorirlo. Mi ha strattonato e si è lanciato per le scale per poi sparire». Le urla dell’anziano hanno svegliato il figlio, un noto professionista di Porto San Giorgio: «Ho creduto che mio padre avesse accusato un malore - ha detto - e sono balzato dal letto. Poi mi ha detto che c’era un ladro in casa».
Il ladro è riuscito a rubare alcuni orologi e una borsetta che però ha abbandonato insieme alla borsa del computer portatile sul terrazzo durante la fuga. Spariti anche un portagioielli con dei monili, braccialetti, bigiotteria. Refurtiva prelevata dalla stanza dove dormivano le due bambine con la nonna . «Le mie bambine sono sotto choc. Non so come potranno reagire. Oggi le abbiamo comunque portate a scuola – dice il papà - per cercare di farle distrarre». Sull’accaduto indagano i carabinieri, mentre nel quartiere la gente no sa più a che santo votarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA